I pannelli fotovoltaici tradizionali, composti da celle solari in silicio, raggiungono un’efficienza elevata, ma non permettono una grande varietà di applicazione a causa della scarsa flessibilità. Per ampliare il campo di utilizzo del fotovoltaico e trasformare qualsiasi superficie in un generatore di energia pulita, l’industria solare negli ultimi anni sta esplorando le potenzialità del solare organico, meno efficiente ma infinitamente più versatile. Di recente, un grosso passo in avanti nello sviluppo di pannelli solari organici è stato compiuto dal VTT, il Technical Research Centre of Finland.

I ricercatori finlandesi hanno sviluppato un nuovo metodo per la produzione su scala industriale del fotovoltaico a film sottile. Le celle solari possono essere stampate e applicate anche su oggetti di dimensioni ridotte, aggiungendo elementi grafici decorativi per favorirne l’applicazione su finestre, mobili e complementi d’arredo.

Gli scienziati del VTT hanno creato un prototipo a forma di foglia ampio appena 0,0144 metri quadrati, completo di elementi decorativi, elettrodi e celle solari polimeriche. Lo spessore del pannello è di appena 0,2 millimetri. Per comporre un pannello di un metro quadrato occorrono 200 foglie. L’intensità dell’elettricità generata da un dispositivo simile è di 3,2 ampere. La potenza raggiunta dal pannello, se installato a latitudini mediterranee, ammonta a 10,4 watt.

La stampante messa a punto dall’équipe del VTT è in grado di produrre 100 metri di film fotovoltaico al minuto. I pannelli solari organici decorativi sono economici e facili da realizzare. Inoltre, benché durino solo pochi anni rispetto a quelli tradizionali, possono essere riciclati a fine vita, recuperando le materie prime e ammortizzando ulteriormente i costi.

Il potenziale maggiore dei pannelli organici risiede però nella loro versatilità. Impianti così piccoli e dal design accattivante possono infatti essere applicati sugli oggetti di uso quotidiano, catturando la luce che penetra negli ambienti domestici e alimentando con energia rinnovabile i dispositivi elettronici.

I ricercatori prevedono che nei prossimi 3 anni l’industria del fotovoltaico organico conoscerà una crescita record. Intanto gli scienziati del VTT lavorano anche allo sviluppo di pannelli solari inorganici in perovskite, 5 volte più efficienti di quelli organici e 10 volte meno costosi. Anche questa tipologia di pannelli può infatti essere stampata e applicata su superfici non convenzionali.

In un futuro non troppo lontano le celle solari stampabili potranno anche essere utilizzate come ricevitori di dati nei dispositivi wireless, catturando la luce presente negli ambienti domestici per generare energia.

22 gennaio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Alfredo Grimoldi, giovedì 15 settembre 2016 alle18:59 ha scritto: rispondi »

mi interessa un "fotovoltaico" pannello e/o film che si possa impiegare nelle facciate degli edifici

Lascia un commento