Ridurre in misura massiccia le emissioni nocive significa puntare in alto nel settore delle rinnovabili: è quello che vuole fare la Cina, che ha aumentato il target di energia solare del 20% per l’anno in corso.

La notizia è stata diffusa dal China National Energy Administration, che spiega come la Cina preveda per il 2015 di realizzare nuovi progetti relativi al fotovoltaico pari a 17,8 GW. Un dato in rialzo rispetto alle previsioni, che parlavano di 15 GW, malgrado il Paese abbia mancato di poco l’obiettivo del 2014.

Secondo le analisi di Bloomberg New Energy Finance Pechino ha aggiunto fino a 12 GW di energia solare lo scorso anno, di cui 8 di generazione distribuita, superando gli Stati Uniti che hanno installato 7,3 GW di capacità solare. Il nuovo obiettivo, secondo molti osservatori, potrebbe essere però troppo ambizioso.

Se il piano dovesse andare a buon fine i progetti dovrebbero raccogliere più di 21 miliardi di yuan di investimenti aggiuntivi, pari a 3,4 miliardi dollari. Zhou Ziguang, analista di Ping An Securities, ha spiegato all’agenzia Reuters:

Questa è una buona notizia per tutto il settore industriale e per i fornitori interni al Paese. Anche se l’obiettivo è difficile da raggiungere, lo Stato stimolerà il consumo di energia solare.

Secondo Ziguang il quadro finanziario e normativo cinese sta subendo molti cambiamenti nell’ottica di favorire la conversione alle fonti rinnovabili: i procedimenti di approvazione sono stati semplificati e alle Province è stato affidato un ruolo più importante; sono state risolte una serie di questioni burocratiche legate alla proprietà dei tetti per le installazioni solari.

Nuovi capitali, spiega l’analista cinese, stanno confluendo verso il settore solare: le stesse Province hanno preso familiarità con le procedure e si attendono progetti da 26 territori entro aprile 2015. Peng Peng, analista della sede cinese della Renewable Energy Industries Association, ha spiegato:

Questo riflette la volontà della Cina di attuare maggiori sforzi per ridurre le emissioni nocive, un obiettivo molto importante per il nostro Paese.

A novembre scorso il presidente Xi Jinping ha promesso una serie di azioni concrete e decise per proteggere l’ambiente, dopo l’accordo con il presidente degli Stati Uniti Barack Obama. L’obiettivo ufficiale di Pechino è quello di avere il 20% di generazione da fonti pulite entro il 2030, triplicando la sua capacità solare entro il 2020.

18 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento