La ricerca di nuove tecnologie fotovoltaiche più efficienti e competitive continua a registrare progressi. Un’équipe di ricercatori della Johannes Kepler University Linz ha ideato una cella solare superleggera in grado di produrre fino a 10 volte più energia rispetto alle celle fotovoltaiche ultrasottili convenzionali.

La cella solare ultrasottile sviluppata dai ricercatori austriaci si presta a numerose applicazioni per via della sua estrema flessibilità e dello scarso peso. Uno degli obiettivi principali della ricerca fotovoltaica è proprio lo sviluppo di celle solari più leggere e sottili, in grado di generare una maggiore quantità di energia a fronte di dimensioni inferiori rispetto alle tecnologie disponibili attualmente sul mercato.

La cella solare progettata dai ricercatori austriaci, descritta sulla rivista scientifica Nature Materials, è spessa appena 3 micrometri. Malgrado lo spessore ridotto è in grado di raggiungere un’efficienza del 12%. Per realizzare celle solari più sottili gli scienziati hanno utilizzato un nuovo tipo di materiale a base di perovskite, un semiconduttore maggiormente efficiente rispetto ai materiali tradizionali impiegati nel fotovoltaico.

Al fine di proteggere la cella solare dalla corrosione degli agenti atmosferici e dalla naturale degradazione, i ricercatori hanno creato un rivestimento in ossido di cromo leggero e resistente all’usura. La cella solare pesa appena 5,2 grammi, ma è in grado di produrre 120 watt di potenza, un vero record per un peso così ridotto. I ricercatori austriaci hanno testato le nuove cellule su un velivolo in miniatura. L’esperimento ha restituito risultati incoraggianti. Gli scienziati nei prossimi mesi cercheranno di sciogliere il principale ostacolo alla messa in commercio della nuova tecnologia: la scarsa durata delle celle.

Le celle ultrasottili alla perovskite durano solo pochi giorni. In condizioni ottimali possono però durare diversi mesi.

Le nuove celle solari ultrasottili potranno essere impiegate sui palloni aerostatici utilizzati per i rilievi meteorologici e in altre applicazioni che richiedono dispositivi energetici flessibili e leggeri.

16 settembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento