Il futuro del fotovoltaico è chiaro e le parole chiave che guideranno la nuova era post incentivi sono: SEU, autoconsumo e sistemi di accumulo. Lo sa bene SMA, leader nel settore degli inverter che ha da poco lanciato sul mercato un prodotto destinato a diventare protagonista di questa nuova stagione, il Sunny Boy Smart Energy. I nostri lettori lo conoscono già bene, si tratta di un inverter innovativo che integra anche un sistema di storage, una batteria agli ioni di litio da 2 kWh di potenza continua. Un ibrido davvero interessante che punta a una piena integrazione nelle case di tanti consumatori che vogliano abbracciare il fotovoltaico e l’autoncosumo in modo allo stesso tempo innovativo ma anche semplice e immediato.

Sunny Boy Smart Energy installazione

Sunny Boy Smart Energy

Lo avevamo visto in occasione del Solarexpo 2014, ma abbiamo voluto approfondire le caratteristiche del Sunny Boy Smart Energy in occasione della tappa romana dei Sunny Days di SMA Italia, un vero e proprio roadshow che mira a far conoscere agli installatori le caratteristiche di un prodotto che potrebbe ingolosire non poco le famiglie italiane. Il Sunny Boy Smart Energy è compatto, facile da installare e può consentire risparmi consistenti per gli utilizzatori.

Sulle funzionalità e i vantaggi del Sunny Boy Smart Energy abbiamo intervistato Massimo Bracchi, Direttore Distribuzione di SMA Italia, ecco che cosa ci ha detto:

26 giugno 2014
I vostri commenti
Aldo, domenica 7 settembre 2014 alle10:03 ha scritto: rispondi »

Vanno bene tutte queste considerazioni, ma: 1) quanto costa; 2) qual è la vita delle batterie usate? 3) nel caso di distacco dell'energia per motivi vari, quei 2 kW sono disponibili o no?

Daniela, venerdì 4 luglio 2014 alle16:59 ha scritto: rispondi »

Sembra un apparecchio molto comodo, ne avevo sentito già parlare su Pv Compare, ma quello che dice Lorenzo effettivamente è vero e va messo in conto, anche se credo che l'accumulo in futuro sicuramente aumenterà.

lorenzo, giovedì 26 giugno 2014 alle20:13 ha scritto: rispondi »

è un bel prodotto se non fosse per due motivi 1- in questo momento l'attuale normativa italiana non permette a chi fa scambio di installare anche un sistema di accumulo in quanto l'utente è considerato un soggetto attivo per Enel vedi norma Cei 016 -Cei 021 e nelle varianti pubblicate a dicembre oltre alle considerazioni fatte da Tutto Normel di febbraio. 2- un accumulo di soli 2 kwh è insignificante per i consumi tipici di una famiglia moderna in quanto il vantaggio economico che ne deriverebbe in riferimento al costo dell'acquisto del prodotto ,avrebbe dei tempi di rientro non facilmente proponibili all'utente finale.

Lascia un commento