Senza stabilità nel quadro normativo, ed economico, il fotovoltaico italiano non potrà avere futuro. Quale occasione migliore del SolarExpo 2013 di Milano per ribadire questo concetto, già più volte espresso dagli operatori del mercato e dalle associazioni di categoria.

>>Leggi le prospettive per il fotovoltaico nel 2013 secondo Bloomberg

Associazioni come Assosolare, il cui presidente Giovanni Simoni ha risposto alle nostre domande esprimendo tutta la sua preoccupazione per l’attuale situazione italiana: incentivi del Quinto Conto Energia in scadenza, detrazioni fiscali al fotovoltaico al 50% da rinnovare entro giugno, continue voci di possibili dazi europei sul fotovoltaico cinese.

Così non va, troppe incertezze per un settore che è nato da poco ma richiede investimenti, anche in ricerca, che si ripagano solo dopo parecchi anni. Cosa dovrebbero fare i neo ministri allo Sviluppo economico e all’Ambiente, Flavio Zanonato e Andrea Orlando, per favorire il fotovoltaico in Italia? Simoni ha le idee ben chiare: il problema non è cosa dovrebbero fare, ma cosa non dovrebbero fare.

10 maggio 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento