Si ispira alle ali di farfalla il nuovo materiale ideato dai ricercatori della University of Pennsylvania di Philadelphia per migliorare la funzionalità dei pannelli fotovoltaici. Il nuovo materiale, creato attraverso la tecnologia laser, simula i colori cangianti delle ali dei lepidotteri e si distingue anche per la sua impermeabilità.

Gli scienziato hanno utilizzato la tecnica della litografia olografica, ottenendo un materiale, chiamato “Photoresist” che presenta una struttura tridimensionale a reticolo e simula le proprietà riflettenti delle ali.

La struttura 3D della superficie influenza di per sé la trasmissione della luce solare che colpisce il pannello fotovoltaico, ma la caratteristica che ha maggiormente entusiasmato i ricercatori è l’impermeabilità della superficie, che permette alla superficie del pannello di restare più pulita e asciutta, garantendo una maggiore efficienza energetica.

Il leader del gruppo di ricerca illustra le possibili applicazioni del materiale ad ali di farfalla:

In particolare, siamo interessati a usare questo tipo di materiale per l’esterno degli edifici, anche perché ha un colore luminoso e molto decorativo. L’edificio “farfalla” potrebbe essere collegato a un chip che permetterebbe al proprietario di cambiare a suo piacimento il colore e il grado di trasparenza della superficie esterna.

Poiché il materiale è resistente all’acqua, inoltre, non sarebbe necessario pulire i pannelli solari molto spesso. I ricercatori di Philadelphia contano di presentare un vero e proprio prototipo di “Photoresist” entro il prossimo mese di giugno.

19 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento