Fotografare chi abbandona cani: succede a Riviera del Brenta

Il problema dell’abbandono di animali domestici continua a essere una triste realtà sul territorio italiano. Ogni anno migliaia di cani e gatti vengono lasciati al loro destino da proprietari senza scrupoli, spesso a bordo delle strade causando così incidenti mortali sia per l’animale stesso che per l’uomo.

Un fatto che da tempo coinvolge anche Mira, a Riviera del Brenta, dove da qualche mese il numero di cuccioli abbandonati sembrerebbe essere aumentato. Così, come riporta la Nuova Venezia, si è deciso di sensibilizzare alla questione dei randagi invitando i testimoni a fotografare i colpevoli di abbandono di animali.

>>Scopri come la crisi influisca sugli abbandoni

Negli ultimi tre mesi, i vigili di Mira hanno raccolto per le strade 11 randagi, un paio dei quali provvisti di microchip e collare. Riconsegnati ai legittimi proprietari, il tutto si è risolto accertando una semplice fuga di casa dei cani. Vi sono però anche esemplari non riconducibili a nessun proprietario, abbandonati a tutti gli effetti.

Un mese fa vi è stato addirittura il sequestro temporaneo di due cuccioli nel nascondiglio di un furgone, destinati al mercato illegale della compravendita di Sharpei. Un’altra pratica molto diffusa in Italia quella dell’acquisto in nero, che si potrebbe di certo evitare adottando uno di quei tanti cuccioli ospitati in canile e desiderosi di trovare una nuova casa.

Mauro Rizzi, comandate dei vigili di Mira, così commenta la situazione:

«Abbiamo trovato un bastardino a Piazza Vecchia. Era un cucciolo di pochi mesi e dopo averlo rifocillato l’abbiamo trasferito al canile di Mestre. In questo caso è scattata la denuncia contro ignoti per abbandono. Lunedì invece abbiamo trovato un pastore tedesco di grossa taglia in via Marmolada a Oriago. Il cane aveva microchip e collare, e quindi non è stato difficile riconsegnarlo a un residente a cui era scappato di casa a Malcontenta.»

>>Scopri cosa fare con un cane abbandonato

Roberto Martano, responsabile locale dell’ENPA, lancia invece l’appello citato in apertura:

«Invitiamo chiunque assista all’abbandono di un animale da parte di qualcuno a fotografare il fatto e a spedire la documentazione alle forze dell’ordine, affinchè possano prendere i provvedimenti previsti dalla legge.»

, SIVEMP Veneto

28 febbraio 2013
Lascia un commento