Fotografare il cane: 5 consigli

Fotografare il cane di affezione è un’esperienza piacevole e divertente, che consente di catturare momenti allegri o delicati per conservarli nel tempo. Immortalarlo nel modo giusto potrebbe risultare più complesso di quanto si possa pensare, senza la giusta attrezzatura e qualche trucco ad hoc. Del resto Fido è un esemplare molto energico, che preferisce correre e rotolarsi, anziché fermarsi per un scatto artistico. Per carpire le sue smorfie buffe, il momento più dolce del riposo, oppure una mossa divertente senza perdere il momento prezioso, bisogna saper cogliere l’attimo. Ma anche saper maneggiare la giusta attrezzatura fotografica, avvalendosi dei mezzi corretti per una foto di grande impatto. Tutto può cambiare in base all’indole del cane, che può oscillare tra chi ama fissare l’obiettivo della camera, per curiosità e interesse, e chi invece la rifugge intimorito.

Catturare l’attenzione

Per una foto perfetta è importante catturare l’attenzione del quadrupede, in particolare se preferisce correre per il giardino o per la stanza anziché ascoltare i richiami. Il modo migliore è quello di solleticare il suo interesse con giochini sonori, parole dolci, carezze che lo tranquillizzino, ma anche crocchette e cibo goloso. L’operazione potrebbe migliorare con la presenza di una seconda persona, una sorta di assistente che possa attirare l’attenzione dell’animale direzionando il suo sguardo verso la macchina fotografica. Il risultato è assicurato.

=> Scopri il cane fotomodello


L’attrezzatura

In base alla singola predisposizione, è importante disporre di una buona attrezzatura fotografica. Evitando macchine e articoli di tipo professionale, si può ripiegare su prodotti di un buon livello, con lenti specifiche e accessori in linea. Anche un buon cellulare potrà garantire uno scatto valido e artistico, specialmente se si è in grado di maneggiarlo in modo originale. Un corso base di fotografia potrebbe tornare utile, giusto per assecondare con la tecnica la creatività personale.

Paesaggio, luce e angolazione

Uno sfondo intrigante alle spalle del cane può fare la differenza, aumentando la bellezza dello scatto. Che sia un paesaggio oppure una ricostruzione casalinga, ma anche un muro colorato, è bene considerare il gioco dei contrasti. Un cane bianco spiccherà su uno sfondo scuro, e viceversa. Importante tenere conto della luminosità, della posizione del cane rispetto alla fonte luminosa, che non dovrà mai risultare alle spalle dello stesso. Se si dispone di flash e pannelli fotografici, e di un po’ di tecnica, sarà facile muovere la luce così da valorizzare la figura dell’amico. Infine è importante tenere conto dell’angolazione dello scatto, della posizione della macchina, per offrire profondità senza deformarne la fisionomia.

Post produzione

Per aumentare la bellezza dello scatto lo si può lavorare in post produzione, bilanciando i livelli, il calore dell’immagine, inserendo elementi decorativi oppure cambiando lo sfondo alle spalle dell’animale. Contrasto, saturazione, filtri potranno migliorare l’effetto finale, ma senza perdere la naturalezza dell’espressione del cane.

=> Scopri come avvicinare un cane timido


Idee per cane timido

Se il cane è timido e timoroso, fotografarlo potrà risultare più complesso, perché restio a guardare in camera. Per questo è importante creare un ambientazione soft, facendolo familiarizzare con la macchina stessa e permettendogli di annusarla con calma. In questo caso uno scatto continuo potrà aiutare a catturare l’espressione e il momento giusto, senza turbarlo con pose statiche e obbligate.

28 settembre 2017
Immagini:
Lascia un commento