Le foto con protagonisti irresistibili animali possono risultare utili per rinnovare un matrimonio raffermo. È quanto afferma uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Psychological Science, nel rilevare come la visione di cuccioli di cane e di gatto, ma anche di altre specie, possa ravvivare la soddisfazione matrimoniale. E considerato come questi contenuti impazzano in rete, in particolare sui social network, riprendersi da un breve litigio con il partner potrebbe essere molto semplice.

I ricercatori hanno analizzato 144 coppie stabili, sposate per un massimo di cinque anni. Gli sposi sono stati quindi divisi in due gruppi: al primo sono state mostrare immagini del partner affiancate a simpatici animali, quali cagnolini e conigli, al secondo degli scatti dell’amato affiancato ad altre immagini neutrali. Ai partecipanti è stato chiesto di osservare attentamente le immagini ogni tre giorni, per una durata totale dell’esperimento di sei settimane. È quindi emerso, al termine dello studio, come l’associazione positiva tra un quadrupede irresistibile e il compagno di vita aumenti la soddisfazione matrimoniale, alimentando sentimenti sereni e felici in relazione alla dolce metà.

=> Scopri perché cani e gatti aiutano la coppia


Secondo i ricercatori, ad alimentare la soddisfazione matrimoniale sarebbe un meccanismo di condizionamento mentale positivo, non immediatamente identificabile dal soggetto che lo subisce. Associare pensieri positivi al partner, infatti, permette di ridurre l’attenzione verso i fattori negativi, spingendo la mente a ricordare con più facilità i momenti sereni e ad esaltare le qualità positive del rapporto. Così spiega James K. McNulty, il ricercatore a capo dello studio:

=> Scopri gli sposi nel rifugio per gatti


Una fonte definitiva dei nostri sentimenti inerenti alle relazioni può essere ridotta al modo con cui associamo il partner a effetti positivi: queste associazioni possono provenire dallo stesso partner, ma anche da elementi non collegati, quali appunto i cagnolini e i coniglietti.

28 giugno 2017
Fonte:
Lascia un commento