Forfora: impacchi naturali per eliminarla

Contro la forfora esistono una serie di rimedi utili e semplici da preparare. Alcuni di questi si possono applicare come lozioni, altri riguardano l’alimentazione, mentre alcuni tra i più efficaci sono quelli sotto forma di impacchi naturali.

La forfora è un disturbo che colpisce prevalentemente gli uomini, soprattutto nella sua variante secca, ma che interessa in misura seppur ridotta anche le donne. Soprattutto per quest’ultime uno dei fattori scatenanti più comuni è lo stress, insieme con l’utilizzo di un shampoo aggressivo che alteri il normale equilibrio delle ghiandole sebacee. Una possibile origine del fastidio sono anche alcune infezioni, in grado di stimolare fino all’eccesso la produzione di sebo.

Impacchi naturali contro la forfora

Alcuni impacchi possono essere d’aiuto non soltanto nel combattere la forfora, ma anche per reidratare la cute e ridonare ai capelli il loro naturale equilibrio di salute. Ecco quali:

  • Tea tree oil: Ad attività normalizzanti della produzione di sebo e antibatteriche, questo impacco è tra i più semplici da utilizzare. Sarà sufficiente mescolare alcune gocce di olio a un pentolino di acqua calda non bollente. Una volta pronto mescolare il tutto e immergervi un asciugamano di cotone, da applicare sui capelli e tenere ben chiuso fino a che non si sia asciugato;
  • Olio di Neem: Dalle proprietà simili al tea tree oil, l’olio di Neem reidraterà inoltre il cuoio capelluto. Occorrerà mischiare insieme alcune sue gocce con dell’olio di mandorle. Dopo l’applicazione avvolgere la testa con un panno pulito o un asciugamano e lasciare agire durante le ore notturne;
  • Argilla verde: Particolarmente indicata contro la forfora grassa, la polvere di argilla verde dovrà essere mescolata con l’acqua tiepida fino ad ottenere un composto pastoso, ma non troppo duro. Applicare sui capelli e il cuoio capelluto per circa mezz’ora dopodiché risciacquare con uno shampoo neutro, al quale si potranno aggiungere alcune gocce di tea tree oil o di olio di Neem;
  • Ortica: Prendere 150-200 grammi di foglie di ortica e lasciarle macerare in un pentolino d’acqua per almeno 6-7 ore, poi filtrare il composto per ottenerne il succo, da amalgamare infine con un uovo. L’impasto ottenuto andrà applicato sul capo e servirà per massaggiare il cuoio capelluto alcuni minuti. Risciacquare con acqua tiepida e shampoo neutro;
  • Corteccia di quercia: Preparare un decotto aggiungendo un cucchiaino di polvere o briciole di corteccia in poco meno di una tazza d’acqua bollente. Lasciate in infusione per 15 minuti, poi filtrate e utilizzate per immergervi il panno o l’asciugamano di cotone. Da tenere in applicazione fino a che si sia asciugato;
  • Olio d’oliva, limone e uova: Per ottenere questo impacco ad azione antisettica, ma anche rivitalizzante sarà necessario mescolare insieme 3 cucchiai di olio d’oliva, il succo di mezzo limone e il tuorlo di un uovo. Il composto ottenuto andrà applicato sui capelli per circa mezz’ora, tenendolo coperto per evitare che coli.

Si consiglia per gli impacchi di procedere con l’applicazione a partire dalla radice dei capelli, per evitare che solo parte del preparato raggiunga il cuoio capelluto. In caso di dubbio su eventuali intolleranze o allergie personali ad alcuni dei rimedi consigliati si consiglia di fare riferimento al proprio medico curante.

Consigli utili

Una corretta e regolare igiene dei capelli e del cuoio capelluto è importante per il mantenimento del loro normale equilibrio. Meglio se ciò avviene con uno shampoo neutro che non provochi irritazioni alla cute o alterazioni alla normale produzione delle ghiandole sebacee.

Utile in questi casi anche seguire un’alimentazione sana e priva di cibo spazzatura, alcolici, caffè e cibi fritti o grassi. Più opportuna una dieta ricca di vitamine e antiossidanti, così come di acidi grassi Omega-3. Bere molta acqua e consumare le cinque dosi giornaliere di frutta e verdura raccomandate dall’OMS.

12 marzo 2014
Lascia un commento