In India è stato istituto il divieto di importare foie gras da paesi esteri, poiché alimento derivante da pratiche violente sugli animali. È quanto riporta il Directorate General Of Foreign Trade (DGFT), in una breve nota sul suo sito ufficiale.

Il foie gras, il fegato d’oca, è un piatto considerato di alta cucina in gran parte del globo. Per realizzarlo, però, spesso i volatili vengono alimentati 24 ore su 24, con tanto di nutrizione forzata con tubi infilati in gola. L’obiettivo è quello di far ingrassare l’oca a dismisura, per ottenere quindi un fegato delle giuste dimensioni commerciabili. Ne deriva però una patologia, la steatosi epatica, per l’impossibilità del fegato di espletare le proprie normali funzioni e di gestire l’ingente mole di cibo forzatamente ingerito.

Da anni le associazioni animaliste si battono per il divieto internazionale di questo prodotto, considerando la produzione una vera e propria tortura, ma non molti sono i governi mondiali decisi a dar risposta a queste istanze. Fra questi ora si aggiunge l’India.

I rappresentanti governativi non hanno al momento rilasciato un commento ufficiale, ma a parlare ci pensano gli attivisti di Animal Equality India, rappresentati dalla portavoce Amruta Ubale:

I ristoranti di lusso in India stanno spingendo la vendita di foie gras sui loro menu, è per questo motivo che abbiamo cercato il divieto.

Nazioni come Danimarca, Finlandia, Germania, Argentina, Turchia, Irlanda, Svizzera e Regno Unito hanno già vietato la produzione di foie gras all’interno dei propri territori, mentre il provvedimento indiano al momento riguarderebbe solo l’import dall’estero. Non è dato sapere, almeno momentaneamente, se verrà garantito l’allevamento di oche all’interno della nazione. In molti degli stati membri dell’Unione Europea, inoltre, è vietata la produzione autoctona di foie gras, mentre è libero il consumo. Il piatto è tipico della cucina francese e viene realizzato in speciali allevamenti in Dordogna con certificazione IGP.

7 luglio 2014
Fonte:
Via:
Lascia un commento