Sammy è una simpatica foca molto amata nella contea di Wicklow in Irlanda: l’animaletto è noto tanto quasi una celebrità. La sua specialità è una sola: amare fortemente il pesce. E questa sua propensione la spinge quotidianamente, per bene 3 volte in 24 ore, a saltare fuori dall’acqua direttamente sul cemento. Quindi attraversare con cura la strada che la divide dal suo obiettivo, non prima di aver atteso il passaggio di tutte le auto. Con quel movimento buffo a onde tipico delle foche, raggiunge la pescheria davanti al porto dove vive e dove, da 3 anni, riceve cibo e golosità a base di pesce fresco. Questa routine quotidiana ha preso il via durante un’inondazione, l’acqua superando gli argini aveva permesso a Sammy di raggiungere agevolmente la terra ferma. Spingendola verso la pescheria e il ristorante attiguo, da allora è divenuta un’affezionata cliente.

Per i passanti questa sua ritualità è un’attrazione irresistibile, ma anche gli stessi commessi dei due esercizi assecondano la golosità di Sammy donandole pesce fresco. Un video recente mostra la quotidianità della foca, che salta fuori dal mare e attraversa la strada. Dal ristorante esce un membro dello staff che, con fare ironico e simpatico, cerca di rimandare l’animale in acqua facendolo indietreggiare con una sedia. Ma la simpatica foca non teme l’affronto e cerca di intenerire il giovane rotolandosi buffamente sul fianco. Solo dopo diversi e vani tentativi il ragazzo è costretto a recuperare del pesce dalla cucina per poi gettarlo in acqua.

Alla vista del cibo in mare Sammy si tuffa con eleganza per poi riemergere dopo qualche secondo, gustandosi l’offerta tanto agognata. La simpatica foca si avvicina nuovamente agli argini cercando ancora di scavalcarli, ma desiste subito forse preferendo ritentare in un secondo momento. La folla di passanti che ben la conosce osserva la scena con serenità e, tra un sorriso e una battuta, si avvia verso casa. Certa di rivedere presto Sammy alle prese con una nuova ordinazione, ovviamente di pesce freschissimo.

16 marzo 2016
Fonte:
Lascia un commento