Fiona Apple cancella il tour per accudire il suo cane

Fiona Apple ha deciso di sospendere le date dell’imminente tour in Sud America, per accorrere al capezzale del suo vecchio cane Janet. La cantante l’ha dichiarato attraverso un post nel suo spazio ufficiale Facebook, chiedendo la comprensione dei suoi estimatori e fan. Una decisione insindacabile quella presa dalla Apple, che preferisce assistere il suo cane ultra 13enne di razza Pitbull.

Del resto tanti anni di amicizia e amore non si possono cancellare con un colpo di spugna, neppure se sei una cantante famosa circondata da assistenti e amici che possono curare il cane al tuo posto. Ma è la stessa Fiona a reclamare la vicinanza con Janet e la necessità di accudire l’amatissimo cane malato.

Janet da due anni soffre della malattia di Addison, una carenza surrenale peggiorata lentamente. La sua patologia le impedisce di seguire la cantante in tour, perché necessita costantemente di punture di cortisolo. Iniezioni che mantengono sotto controllo i livelli di stress ed emotivi, letali per il suo cuore. Ora Fiona Apple ha deciso per questa sospensione, per avere il tempo necessario per congedarsi dalla sua amica di lunga data.

Incontrata quando era una cucciola di pochi mesi, Janet è stata recuperata all’Echo Park a Los Angeles, con una corda intorno al collo e orecchio e muso masticati da morsi e aggressioni. Vista la sua indole pacifica era finita nel giro dei combattimenti clandestini, utilizzata come cane da dilaniare. Per anni al fianco di Fiona, sia in studio che nel privato, il cane è stato un punto di riferimento importante per la donna. Queste le parole accorate ed emozionanti che la cantante ha voluto rivolgere ai suoi ammiratori:

«Sto scrivendo a un migliaio di amici che ancora non ho incontrato. Vi scrivo per chiedervi di rimandare i nostri programmi, di incontrarci un po’ più tardi. Questo è il fatto, ho un cane e si chiama Janet e ha quasi 14 anni. È ammalata da più di due anni e ora ha bisogno di me. L’ho trovata quando avevo 21 anni ed è stato il rapporto più significativo di tutta la mia vita. Abbiamo condiviso spazi, case, emozioni, sempre insieme anche in mezzo a tanta gente. Ma siamo sempre state io e lei. Dormiva nel letto con me, con la testa adagiata sul cuscino. È stata la mia consigliera, il mio abbraccio quando ero triste, il mio spazio per le lacrime sul suo petto. È stata come una figlia, ma anche il mio ricovero ogni volta che mi sono sentita triste, sola, abbandonata, con il cuore spezzato e lo spirito frantumato. Mi concedeva un cambio di ruoli e potevo essere io sua figlia, mentre appoggiava il suo mento sulla mia testa. Mi affiancava mentre componevo o registravo, ed è stata accanto a me anche per la realizzazione dell’ultimo album. È un cane felice, gioioso, pieno di vita nonostante la malattia. È stata mia figlia, mia madre, la mia migliore amica, la mia benefattrice, colei che mi ha insegnato il vero significato della parola amore. Ma ora è stanca e malata e se partirò non mi perdonerò mai di aver perso l’onore di cantare per lei e amarla per l’ultima volta. Forse mi prenderà in giro e sopravviverà per altri anni, e forse perderò amici e ascoltatori per questa mia decisione. Ma è una scelta di cuore, di petto, immediata e fa parte delle decisioni che prendiamo e che ci definiscono. Io non sono quel tipo di donna che mette la sua carriera prima dell’amore e dell’ amicizia. Sono la donna che rimane a casa, e cuoce il pasto per la sua cara e vecchia amica. Sarà un momento intenso, forte, arricchente, doloroso, spaventoso e il mio animo verrò travolto da tutto l’amore e il dolore per lei. Ma ho bisogno di esserle accanto quando morirà, quando emetterà l’ultimo suo respiro in favore degli angeli. E chiedo la vostra benedizione. Con Amore. Fiona».

22 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento