Snowflake, o Fiocco di neve, era stata regalata per diventare un banchetto prelibato, ma la piccola capretta, di pochissimi giorni, è stata salvata da una donna che ha convinto i proprietari a cederla. Eppure la sua casa non era il luogo più adatto per accudire e crescere una animale come Fiocco così, grazie a un veloce passaparola attraverso Facebook, la capretta è stata presa in cura dalla Mino Valley Farm Sanctuary. Il santuario, collocato nella Spagna del nord, ha accolto la piccola dopo sette ore di viaggio lungo tutto il territorio. A darle il benvenuto c’era la fondatrice della struttura Abigail Geer, che si occupa anche di molti altri animali strappati a situazioni di abuso e sofferenza.

Fiocco di neve, con ancora parte del cordone ombelicale attaccato alla pancia, si è subito ambientata all’interno della nuova casa. In un primo momento con l’asino Fernando, che ha deciso di scalare per appisolarsi sopra la sua schiena. Ma anche con le altre caprette e pecorelle della struttura, con cui ha familiarizzato velocemente. Infine con la cagnolina Nella, un animale recuperato dalla strada, con cui ama appisolarsi sul letto appoggiando la testa sulla spalla del cane.

Love knows no species 💗💗💗 little Snowflake goat snuggled up with one of our rescue dogs Nella who was saved from a life on the streets #bffs

A photo posted by Mino Valley Farm Sanctuary (@minovalleyfarmsanctuary) on

Una vita completamente diversa per la piccola capra che, grazie al tempestivo intervento della sua salvatrice, ora può contare su un futuro sereno e positivo. Come tutte le caprette della sua età ama saltellare per la casa, dimostrando tutto il suo entusiasmo. E per le uscite in esterna, Abigail l’ha dotata di un comodo maglioncino, fino a quando non sarà in grado di contrastare il freddo in modo autonomo. La donna si occupa personalmente del nutrimento di Fiocco di neve, che per il momento beve ancora latte dal biberon come tutti i cuccioli. Nella struttura la sua vita sarà sicuramente allegra e piena di avventure e luoghi da scoprire, il santuario da tempo si prefigge di aiutare tutti gli animali più bisogni.

12 febbraio 2016
Fonte:
Lascia un commento