Il momento dell’elezione di un nuovo sindaco è sempre molto sentito dai cittadini, poiché una delle figure istituzionali più vicine alla popolazione. Agendo sul territorio, e spesso conoscendo di persona ogni singolo abitante, il sindaco è il punto di riferimento per i problemi di viabilità, di decoro pubblico, del verde e molto altro ancora. In una cittadina canadese, tuttavia, questo ruolo potrebbe presto essere occupato da un insolito rappresentante: un candidato a quatto zampe.

È questa la peculiare storia che proviene da St. John, divenuta immediatamente virale sui social network. Tra i candidati per le imminenti elezioni comunali, spunta anche Finn, un simpatico e amatissimo cane. Apparso proprio sui social network con una campagna a tema, il quadrupede sta già conquistando le attenzioni dell’opinione pubblica, tanto che in molti sono già pronti a scommettere sulla sua vittoria, nonostante l’agguerrita concorrenza.

=> Scopri il gatto sindaco in Siberia


Finn, le cui ambizioni politiche sono supportate dal proprietario Glenn Redmond, è divenuto particolarmente famoso lo scorso sabato, quando un filmato che lo vede protagonista è divenuto virale in tutto il mondo. Di razza Australian Cattle Dog, il cagnolino è un lavoratore instancabile, molto docile e grande conoscitore della sua città, che ama perlustrare in lungo e in largo. Così ha spiegato lo stesso proprietario:

Essendo un Australian Cattle Dog, Finn è un lavoratore instancabile, non è in grado di fermarsi. Lavorerà giorno e notte per raggiungere i suoi obiettivi.

Ed è sempre il proprietario a spiegare quali sono i punti principali del suo programma, nonché gli obiettivi che il quadrupede potrebbe raggiungere con la sua elezione:

=> Scopri il cane eletto sindaco in USA


Le buche sulla strada sono un grande problema per lui, così come la rimozione della neve e degli ostacoli in inverno. È lavoratore instancabile e questi sono certamente i problemi che potrebbero preoccuparlo.

Di seguito, l’irresistibile video della sua candidatura.

13 settembre 2017
Fonte:
UPI
Lascia un commento