La Fiat 500 elettrica diventerà realtà entro il 2012. La notizia, già circolata negli ambienti delle quattro ruote nei mesi scorsi, è stata adesso confermata dallo stesso amministratore delegato di Fiat-Chrysler Sergio Marchionne, come si legge sul profilo ufficiale di Chrysler su Twitter in un messaggio che apre le porte delle zero emissioni alla piccola utilitaria italiana, la stessa che negli USA sta avendo una certa difficoltà a imporsi sul mercato dopo i successi fatti registrare in Europa.

Il tweet in questione riferisce le parole del manager italo-canadese, che è stato molto chiaro sui prossimi piani del gruppo:

Marchionne: in Chrysler stiamo lavorando su una versione elettrica della FIAT 500 che inizieremo a produrre entro la fine di quest’anno.

L’avvio della produzione della Fiat 500 elettrica sarà quindi affidata a Chrysler, che provvederà ad assemblare il Cinquino a zero emissioni probabilmente presso i propri impianti produttivi nel Michigan.

Del modello definitivo si sa ancora poco, ma è probabile che non ci siano differenze sostanziali rispetto al prototipo di Fiat 500 EV mostrato al Salone di Detroit del 2010, il quale era fornito di un motore elettrico da 100 cavalli di potenza che spingeva la vettura a 100 km/h ed era alimentato da batterie al litio in grado di assicurare un’autonomia di circa 160 chilometri.

La FIAT 500 elettrica arriverà quindi sul mercato nonostante i dubbi dei vertici del Lingotto, che nei mesi scorsi avevano affermato di non ritenere profittevole, dal punto di vista economico, la produzione di un serie di un simile modello, evidentemente ritenuto troppo di nicchia per poter ambire a una diffusione consistente presso il grosso del pubblico.

13 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
I vostri commenti
Negrifabio, venerdì 29 giugno 2012 alle15:39 ha scritto: rispondi »

se è tutto vero quello che ho letto che state facendo ora cioe' investire sul mercato dell' auto elettrica cosa che io ho sempre pensato sono fiero di voi per un mondo piu sano e trasparente in futuro sono sicuro ci saranno meno casi di tumore l acqua che cadra' dal cielo sara'pura limpida e cristallina il buco del ozono si chiudera' e le stagioni saranno come quelle di tanti anni orsono per tutto questo dio vi ringraziera'

Bertolopavimenti, martedì 19 giugno 2012 alle14:11 ha scritto: rispondi »

un altro tumore da 160 km di autonomia e 10 ore di ricarica... magari come l'altro tumore europeo, renault kangoo ze, che addirittura non puoi nemmeno comperare le batterie ma le devi noleggiare a 80,00 € al mese.( renault e kangoo sono scritti con iniziali minuscole, non per errore ma proprio per mancanza di rispetto). Fate 2 conti: 10 ore appesi alla rete a 3 kw/h per fare 160 km ( che poi è fin troppo ottimistica come autonomia perchè con una carica di km ne fa 110)+ gli 80,00 €/mese. Per non parlare del fatto che non fai più di 130 Km/h. E ci perdono pure tempo a studiarle... provate a vedere questa TESLA MODEL S e TESLA MODEL X. Non per i tipi di macchina ma per la differenza di resa di motori e batterie

Lascia un commento