Festival del Verde e del Paesaggio 2018: premi e concorsi, i vincitori

Si è concluso domenica il Festival del Verde e del Paesaggio 2018. Un grande successo per l’iniziativa secondo gli organizzatori, che hanno diffuso i primi dati riguardanti l’affluenza e la lista dei vincitori dei vari premi e concorsi che si sono svolti quest’anno. Oltre 21 mila i visitatori, richiamati presso il Parco Pensile dell’Auditorium Parco della Musica di Roma dai molti eventi e spettacoli in programma dal 18 al 20 maggio.

Fiori, piante e giardini hanno giocato un ruolo centrale durante il Festival del Verde e del Paesaggio 2018, che ha offerto ai visitatori anche la possibilità di ammirare paesaggi, spettacoli teatrali, di moda e concerti musicali. Ad arricchire il programma anche incontri, laboratori e visite guidate.

=> Scopri gli eventi speciali svoltisi durante l’edizione 2018 del Festival del Verde e del Paesaggio

In primo piano anche i vari concorsi e premi che hanno visto i partecipanti sfidarsi a colpi di profumi e composizioni floreali e paesaggistiche. Ecco l’elenco dei vincitori di questa edizione:

  • Premio Avventure Creative – concorso dedicata alla progettazione per l’allestimento di giardini temporanei. Il tema dell’edizione 2018 è stato “Carpet Garden”, con vittoria ex aequo per “Raccontami una Storia” di Ilaria Gnesivo e Davide Rosso e “Spring Carpet” di Leonardo Marzotti e Serena Righetti. La giuria è stata presieduta da Annalisa Metta, ricercatrice in Architettura del Paesaggio per l’Università Roma Tre, e composta anche da Ciriaco Campus, artista e docente di Scultura presso l’Accademia di Belle Arti di Roma, e Michelangelo Pugliese, architetto e paesaggista Ph.D.
  • Premio Balconi per Roma – concorso di progettazione destinato agli under 30 per selezionare proposte sperimentali di balconi in città. La vittoria è andata a “Banconopoly: Garden Edition” di Marco Nelli, Davide Mascaro, Daniele Pisegna. Ad assegnare il premio la giuria composta da Franco Panzini, docente di Restauro di giardini Università di Architettura di Venezia; Vincenzo Cazzato, professore ordinario di Storia dell’Architettura presso l’Università del Salento, Bianca Maria Rinaldi, professore associato in Architettura del Paesaggio al Politecnico di Torino e co-editor della rivista JoLA-Journal of Landscape Architecture; Lucilla Zanazzi, esperta di piante e giardini e organizzatrice La Festa delle Rose.
  • Premio Altri Giardini – Le vincitrici per l’edizione 2018 sono Cinzia Stella e Stefania Annucci con il progetto “Orto Giardino, il giardino delle amiche”, un giardino di echinacea, lavanda, cisto, mirto, origano e iris al quale si accede da un piccolo cancello rosso. Un piccolo orto naturale con “fiori spontanei e dimenticati. Un giardino che con i suoi colori e profumi celebra una lunga e bellissima storia di amicizia”. Menzione speciale per “Il Giardino del ritorno” di Francesco e Luciano Cecchetti, un giardino pensato come un labirinto e composto unicamente da piante fiorite; due le strade, una di ingresso che conduce a una stanza speciale (al cui interno si può dare sfogo alla propria creatività con fogli e pastelli colorati e la combinazione di diverse piante presenti). La giuria è stata composta da Lilli Garrone, giornalista; Carlo Contesso, garden designer; Blu Mambor, architetto del paesaggio; Elisabetta Margheriti, agronoma e direttore commerciale Vivai Torsanlorenzo.
  • Premio Espositori Silvia Provera / Artigianato e Design – A vincere è stato OrtoBrick di ORTO Green Design, un mattone di terra fertile, realizzato artigianalmente, contenente i semi di una pianta aromatica. Pronto all’uso, è stato pensato principalmente per l’agricoltura urbana: renderà possibile creare un micro orto da curare e allevare anche per coloro che vivono in città. La vittoria è stata assegnata dalla giuria composta da Ritanna Armeni, giornalista; Pierluigi Battista, giornalista; Fiorella Scarvaglieri, architetto.
  • Premio Espositori / Tecnologia – La vittoria è andata a Officine di casa per la continua ricerca nel settore della bioedilizia al fine di innovare il comparto nel rispetto dell’ambiente. Il premio è stato assegnato dalla precedente giuria, composta da Armeni, Battista e Scarvaglieri.
  • Premio Vivai – Il premio è stato assegnato a L’erbaio della Gorra con la seguente motivazione: “Il vivaio offre Collezione di erbacee perenni e graminacee ornamentali, varietà rare e insolite di iris barbata”. La giuria è stata composta da Luca Catalano, architetto del paesaggio; Orlando Gentili, architetto; Bruna Pollio, botanica; Bruno Filippo Lapadula, architetto, urbanista e ambientalista.

22 maggio 2018
Lascia un commento