Torna anche quest’anno la “Festa dell’Albero“, promossa da Legambiente. Si svolgerà in molti luoghi d’Italia durante il weekend che va da 20 al 22 novembre. Proprio per la vicinanza con la prossima COP21 di Parigi e con la Marcia sul Clima che avrà luogo a Roma il 29 novembre, organizzata dalla Coalizione Italiana Clima, il tema di quest’anno sono i cambiamenti climatici.

Con l’hashtag #tree4climate e al motto di “proteggi un albero, proteggi il futuro”, Legambiente invita a proteggere queste preziose risorse che la natura ci ha dato e che oltre a salvarci dal dissesto idrogeologico, a creare un habitat di vita per garantire la biodiversità e l’esistenza di moltissime creature, oltre a renderci felici e sani, sono i più importanti alleati che possiamo avere nella lotta ai cambiamenti climatici.

Per questo in questo giorno i gesti che ricorrono di più sono la piantumazione di nuovi alberi e l’abbraccio. In tutto il Paese saranno 10.000 in tutto le nuove piante messe a dimora, 400 le iniziative dei vari circoli per prendere parte all’evento, con il coinvolgimento di più di 40.000 studenti.

Quest’anno le foto che verranno scattate durante le varie iniziative non solo si diffonderanno sui social, ma parteciperanno al nuovo concorso fotografico “Albero ti voglio bene”, dedicato in particolare alle scuole che parteciperanno. Rossella Muroni, direttrice nazionale di Legambiente, spiega qual è il messaggio di questa giornata e il cambiamento che vuole portare:

I continui cambiamenti climatici stanno determinando impatti sempre più evidenti nelle città, con rischi per le persone e problemi che in Italia sono resi ancor più drammatici dal dissesto idrogeologico, da scelte urbanistiche sbagliate e dall’abusivismo edilizio.

Per salvare il pianeta è indispensabile un cambio di passo nelle politiche internazionali e nazionali a partire dalla conferenza sul clima, dove ci auguriamo che i grandi della terra arrivino ad un accordo vincolante e ambizioso per la riduzione dei gas serra. Ma allo stesso tempo è importante che vi sia anche un maggior coinvolgimento dei cittadini, che attraverso uno stile di vita ecosostenibile ed azioni a favore dell’ambiente, come ad esempio il piantumare un albero, possono davvero aiutare il pianeta.

L’albero è un prezioso alleato nella lotta ai cambiamenti climatici, proteggerlo significa anche difendere il territorio e le specie che lo abitano.

Ecco i principali appuntamenti nelle varie città:

  • Desio (in provincia di Monza) – Legambiente, con altre associazioni locali, la protezione civile, le scuole e con la collaborazione di Carlsberg Italia, creerà un bosco urbano grazie alla piantumazione di 1.000 alberi.
  • Dolo (VE) – dove lo scorso 8 luglio si è abbattuto un violento tornado. Il circolo Legambiente Riviera del Brenta pianterà in città nuovi alberi in sostituzione di quelli danneggiati.
  • Genova – la scuola Elementare G. Da Verrazzano, insieme ai volontari, provvederà alla piantumazione di un albero di agrumi all’interno del cortile scolastico. Nella scuola primaria “G. Giovi” verrà ripulito il cortile con la messa a dimora di alcune piantine per l’orto e la piantumazione di un ulivo.
  • Castiglione Messer Raimondo (TE) – verranno piantati 19 alberi, tanti quanti i bambini nati nel 2014 nel paese. I ragazzi delle scuole saranno, poi, coinvolti in laboratori didattici e artistici.
  • Roma – il circolo Legambiente Monteverde “Ilaria Alpi” e l’Associazione Orti Urbani Valle dei Casali sabato 21 novembre, presso gli stessi orti, piantumeranno un albero per ricordare le vittime dei recenti attentati terroristici di Parigi. Inoltre il Circolo Legambiente “Serra Andresone” di Monte San Biagio collaborerà con il neonato Comitato Cittadino Pisco Montano per il rimboschimento dei “Giardini di Levante”, attraverso la piantumazione di due piante di ulivi e di due piante di oleandri, nelle due zone ormai prive di alberi dopo il taglio delle palme esotiche colpite da punteruolo rosso.
  • Policoro (provincia di Matera) – saranno coinvolte le scuole della città nella piantumazione di alcune piante nel parco di via Lazio, accompagnata da poesie e canti. Presso il bosco secolare di Pratopiano prenderà il via l’iniziativa “Salviamo Pratopiano”, per difendere questa preziosa oasi di bellezza e biodiversità, sita in uno dei luoghi maggiormente interessati da abusi ed incendi.
  • Ogliara (Salerno) – i volontari insieme all’Anci metteranno a dimora alcune piante come il ciliegio selvatico, il pruno selvatico, l’olivello spinoso e il nocciolo a Montestella, un’area fortemente colpita da incendi.
  • Cassano delle Murge (BA) – sarà organizzato un dibattito dal titolo “Quando gli alberi diventano monumento”; mentre domenica verrà ripulita e riqualificata l’aiuola comunale in via Martiri della Repubblica.
  • Livorno – il circolo locale insieme alla scuola elementare “Antonio Benci”, oltre ad una lezione all’aperto sul ruolo degli alberi nell’ecosistema, dedicherà un momento della giornata ad abbracciare gli alberi per ricordare quanto sono importanti per il nostro futuro.
  • Porto Sant’Elpidio (provincia di Fermo) – i volontari manifesteranno il loro dissenso contro il progetto di riqualificazione di piazza Garibaldi, che prevede anche l’abbattimento delle piante.

20 novembre 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Comune di Porcia, sabato 21 novembre 2015 alle9:35 ha scritto: rispondi »

Anche il Comune di Porcia (PN) ha ripreso quest'anno la ricorrenza della festa degli alberi; anticipata ad ieri perché oggi i ragazzi non sono a scuola. Sono stati piantumati intanto 4 alberi, uno per ogni plesso scolastico. Giuseppe Moras Assessore all'Ambiente

Lascia un commento