Festa della donna: idee regalo ecologiche

La festa della donna potrebbe trasformarsi nell’occasione migliore per coniugare amore per le donne e rispetto per l’ambiente. Del resto quando si parla della madre terra la si paragona spesso all’immagine femminile per la sua forza, bellezza e sensibilità.

La festa della donna cade l’8 marzo, conosciuta come giornata internazionale della donna è nata più di 100 anni fa come simbolo per le conquiste sociali, politiche, economiche e umane raggiunte da parte del mondo femminile. Ma al contempo sottolinea come la donna, ancora oggi nel 2012, sia vittima costante di violenze, discriminazioni, costretta in schiavitù e merce di scambio nei traffici legati alla prostituzione. Oltre a subire un costante svilimento della sua figura.

La giornata dedicata alla donna dovrebbe quindi simboleggiare un punto di partenza più rispettoso nei confronti del mondo femminile, una festa da rinnovare quotidianamente e che non si trasformi nell’ennesima festa con balletto maschile o pizzata di gruppo. Bensì un’occasione interessante per dedicare la giornata a girovagare per mostre a tema; i musei saranno gratuiti per le donne di tutte le età e offriranno l’opportunità di eventi legati alla festività.

Non solo musei, ma anche teatri, concerti, convegni, eventi sportivi, incontri tra culture diverse: ogni città italiana ha organizzato per l’8 marzo una serie di iniziative legate alla figura femminile all’interno della società e del tempo. Non ultimi una serie di appuntamenti dedicati alla prevenzione, alla salute e al lavoro. Molto attive in particolare le associazioni locali che hanno focalizzato l’attenzione sulle case di cura e nei centri per anziani.

Libera, l’associazione che lotta contro la mafia e vende i prodotti delle terre confiscate ad essa, per la festa della donna ha organizzato una cena presso l’agriturismo Portella della Ginestra in Sicilia. L’occasione è quella dell’incontro per degustare dal vivo i frutti delle terre lavorate dall’associazione, prodotti sani, bio e naturali. Sempre con la stesso tipo di filosofia e approccio potrete trovare in tutta Italia occasioni di degustazione di olio, vino e cibi DOP di stagione. Per gli appassionati della cucina e dei fornelli non mancheranno corsi e full immersion dedicati all’affascinante cucina vegetariana e vegan.

Amate i fiori? Per la giornata dell’8 marzo evitate di acquistare il classico rametto di mimosa, se non siete certi della provenienza locale, piuttosto preferitele una mini piantina o dei fiorellini da travasare nei vasi del vostro balcone o lungo il vialetto del giardino. Non c’è niente di più allegro di veder crescere una pianta giorno dopo giorno, simbolo di vita e bellezza. Una piccola azalea, un vasetto di margherite, bulbi da fiore, fresie, giacinti, ranuncoli, tutti da piantare in giardino per colorare di primavera il vostro angolo verde. E se lo spazio lo concede, recatevi presso qualche vivaio di zona per acquistare una vera pianta di mimosa e una di ciliegio da interrare in giardino. I rami si ricopriranno di fiori, un’ esplosione di bianco e giallo piena di vita.

Per questa festa della donna dedicatevi ad acquisti mirati, che facciano bene sia all’ambiente che alla vostra compagna, moglie, fidanzata, madre, sorella o semplice amica. Se il dono serve a valorizzare la bellezza e la salute del corpo controllate che ci sia il marchio della certificazione ICEA, ovvero il logo del coniglietto felice con le due stelline. Sono prodotti qualitativamente ottimi che non presentano ingredienti di derivazione animale, e principalmente non sono testati sugli animali stessi e per questo definiti cruelty-free. Una filosofia che in molti stanno sposando, contrari ad esempio alle strategie e ai test organizzati da centri come Green Hill.

Regalare qualcosa di speciale per questa festa sarà facile, non è indispensabile spendere e sprecare ma piuttosto ingegnarsi sfruttando le proprie predisposizioni. Se siete cuochi provetti potrete organizzare una cenetta romantica con prodotti locali, a km zero, magari sfruttando sconti e offerte. Ad esempio presentarsi al supermarket o al mercato rionale quasi in orario di chiusura potrà garantirvi prodotti freschissimi a metà del prezzo, meglio ancora se di provenienza agricola come quelli della rete Gas. Vi piace disegnare? Un acquarello o un disegno a matita della mimosa potrà farvi risparmiare e al contempo stupire.


Stoffe di recupero per creare mini pochette, borsette, portadocumenti o porta oggetti per le vostre donne del cuore: ago, filo, pazienza gli ingredienti base. Se vi piace creare fisicamente gli oggetti perchè non una candela con pastelli e avanzi di cera? Meglio ancora se di cera d’api. Con la base delle bottiglie di plastica si possono realizzare fiori di vario formato, vi basterà ricavare i petali tagliando la plastica e sagomarli con la fiamma di un fiammifero. Per lo stelo uno steccone da spiedino colorato di verde. Non serve stupire, basta un pensiero anche solo una frase scritta sopra un foglio di carta riciclata. Oppure cucita a macchina sopra la pagina di un giornale, magari con il cotone rosso per creare contrasto con il grigio delle notizie. Un cuore realizzato con tanti post-it gialli appesi sulla porta della cucina, per un buon giorno originale. Oppure una bottiglia di vino del mercato equo e solidale da stappare insieme la sera, per brindare alle donne.

| Cruelty Free

8 marzo 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento