Festa del papà: 5 idee regalo ecologiche

È arrivata la festa del papà: il 19 marzo è la giornata dedicata interamente all’uomo di casa. Il momento dell’anno durante il quale anche i maschi, più orsi e burberi, si commuovono innanzi a un regalino creato dalle manine del cucciolo di casa. Il più delle volte il dono è un manufatto di dubbia fattura e utilità, che farà bella mostra sulla mensola diventando parte integrante dell’archivio della memoria sentimentale.

Ma per questo 2012 è giunto il momento di dare una svolta positiva al concetto di regalo, per questa festa del papà l’imperativo è: green style. Meglio un dono fatto con il cuore e fatto bene, piuttosto che un acquisto dell’ultimo minuto e improvvisato. Se poi si unisce al dono il concetto del riciclo creativo e del rispetto dell’ambiente: il gioco è fatto.

Come sempre riciclo ed ecologia si sintonizzano perfettamente con la necessità di risparmiare. Il vantaggio poi è la possibilità di dare libero sfogo alla fantasia, in particolare se l’autore è vostro figlio. Una collaborazione perfetta dalla quale far nascere idee elettrizzanti e total green. Come sempre rovistate tra gli oggetti di casa, ogni materiale può risultare necessario per stimolare la vostra creatività.

Per un papà goloso, amante delle partite e delle domeniche sportive, create il kit culinario di sopravvivenza da poltrona. Preparate una spremuta fresca, acquistate arachidi e anacardi del mercato equo e solidale, quindi lavate e recuperate una bottiglia di vetro da mezzo litro e un barattolo di vetro di media grandezza. Riempite il primo con il succo e il secondo con il mix di noccioline e anacardi. Chiudete con i tappi originali, se possibile, o con quelli di sughero. Preparate il pane fatto in casa, una maionese fresca e create un tramezzino a tre strati alternando salse, verdure fresche e formaggi di zona, olive e sottaceti di marca nazionale. Impacchettate il tramezzino nella carta da forno, e create delle etichette personalizzate ritagliando la carta da pacco in misura del diametro della bottiglia e del barattolo. Come per le etichette ritagliate la carta seguendo un altezza standard e su ognuna fate realizzare da vostro figlio una scritta e un disegno a tema. Fissate le etichette, intorno al vetro di destinazione, con un giro di cordino ben stretto,

Se il papà è un amante della corsa e dello sport perché non confezionare una maglietta? Non è indispensabile cucirla e crearla dal nulla, a meno che non siate super esperte in materia. Ma basterà scegliere una maglietta, magari in cotone ecologico, e permettere al vostro piccolo di casa di creare un decoro. Studiatelo insieme, ispiratevi a qualche personaggio dei fumetti o super eroe, oppure createne uno facendo qualche prova sopra un foglio di carta in misura. Intanto inserite della carta di giornale all’interno della maglietta, in modo che durante la colorazione la pittura non attraversi il tessuto. A questo punto create una mascherina, ripassate il disegno realizzato con un pennarello a punta grossa e incidete con un cutter il profilo del disegno in modo da ottenere uno stencil. Lavorate su un piano rigido, come ad esempio un giornale spesso oppure un asse di legno vecchio, così da non rovinare il piano di lavoro. Appoggiate la mascherina sulla maglietta e colorate la parte incisa, una volta tolta la dima apparirà il decoro progettato. Potete utilizzare sia i colori a stoffa sia le tempere, stirando la maglietta asciutta al contrario potrete fissare il disegno.

Se il papà ama costruire e progettare divertitevi ad acquistare qualche articolo tecnologico che funzioni a energia solare. Oppure se adora il fai da te procurategli una sacca di legni vari di scarto, qualche attrezzo per l’intaglio artigianale, una cassetta degli attrezzi ben fornita, guanti, mascherina e cerotti. Il tutto acquistabile nei negozi di bricolage di zona, magari tra le occasioni e le offerte di stagione. Mentre per la legna potete trovare interessanti occasioni nei vivai rionali, oppure dal falegname dietro casa che sarà ben lieto di donarvi tutti gli scarti. Passate anche dalla farmacia per i cerotti.

Sempre sull’onda della creatività quale migliore occasione se non quella di girare per mercatini alla ricerca di vecchi mobili da mettere in sesto. Per un papà creativo ci vuole qualcosa di vecchio da far rinascere: un comodino, una sedia, una bicicletta o un catino di zinco. I mercatini del sabato sono una vera manna per gli appassionati, si trova di tutto. Anche vere occasioni design, come telefoni d’epoca ancora funzionanti. Ripulite per bene gli acquisti, impacchettateli con carta di giornale, lana da maglia colorata e allegate un mini pacchetto contenente un pennello, della carta vetrata e un baratto di bianco primer. Il resto verrà da sé.

Infine non può mancare il decoro fai da te dove l’unione della manualità di vostro figlio e un panetto di creta, o das, si incontrano per sfornare veri tripudi di arte incomprensibile. Se non agli occhi di un padre che ama suo figlio. Ma con qualche consiglio da parte vostra, qualche spunto da Internet e un pizzico di furbizia: potrete realizzare insieme qualcosa di magico. Un vasetto di creta si può plasmare su di una struttura di base, basta stendere la pasta e creare una sfoglia spessa 5mm. Dopo aver ricoperto un barattolo di vetro con la pellicola di plastica, si avvolge la sfoglia intorno a esso. Regolate giunture e parti in rilievo con le dita umide. Per i decori basterà incidere con uno stuzzicadenti. Una volta che il vasetto di creta sarà completamente asciutto basterà eliminare il barattolo di vetro rompendolo con attenzione, per poi buttare i cocci nell’apposto cesto Il vasetto di creta ripulito con cura sarà pronto per la decorazione, l’impacchettamento e la consegna durante la colazione con un piccolo bigliettino e un abbraccio grande.

19 marzo 2012
Lascia un commento