Ha fermato la sua automobile nel bel mezzo di una trafficata superstrada, per salvare un pollo spaventato sulle corsie. È questa la decisione di una donna statunitense che, nonostante il pericolo, ha deciso di trarre in salvo l’indifeso volatile. Dopo aver condiviso l’impresa sui social network, la protagonista ha però riconosciuto i rischi corsi consigliando ai follower di non imitare la sua impresa.

Il tutto è accaduto sulla Freeway 105 di Los Angeles: Amy Goldman Koss e Harrison Wibeto, partiti dall’aeroporto della cittadina, si trovavano sulla superstrada per raggiungere Glendale, dove abitano. Durante il tragitto, il duo ha avvistato un gallo tra le corsie, un animale forse spaesato dal tentativo di attraversale la carreggiata. Fortunatamente, in quel momento il traffico procedeva abbastanza lentamente, così Amy ha pensato di scendere per recuperare l’indifeso animale.

=> Scopri il gallo gigante


Il salvataggio, ripreso in un video pubblicato sulla piattaforma Instagram, mostra la donna scendere velocemente dalla vettura, recuperare l’animale adagiato vicino alle ruote di un camion, per poi risalire a bordo dell’auto. Così la protagonista ha spiegato l’impresa all’emittente locale KTLA-TV:

[Wibeto] ha istintivamente bloccato l’auto e sono automaticamente scesa dalla vettura. Fortunatamente il camion di fianco a noi si è a sua volta fermato bloccando il traffico, è per questo che non sono morta.

=> Scopri le caratteristiche delle galline


Così come riportato dall’agenzia di stampa UPI, la donna ha riconosciuto come il gesto avrebbe potuto comportare conseguenze serie e, per questo, ha sconsigliato a spettatori e follower di imitarne l’esempio. Nel mentre, il gallo è stato consegnato a un rifugio di zona, dove ha già incominciato una nuova e serena vita. In ogni caso, il video è divenuto virale sia su Instagram che sulla piattaforma Facebook, dove in molti si sono complimentati non solo per il coraggio, ma anche per la profonda sensibilità della protagonista nei confronti degli amici animali.

29 giugno 2017
Fonte:
UPI
Immagini:
Lascia un commento