L’orticoltura è un’attività che permette di risparmiare sulla spesa di frutta e verdura, grazie all’autoproduzione, e di stare all’aria aperta, facendo del sano movimento. Curare un giardino o un orto è però anche un modo per proteggere la biodiversità e offrire un angolo di verde alla fauna e alla flora autoctone, sempre più minacciate dalla cementificazione, dall’inquinamento, dai cambiamenti climatici e dall’arrivo di specie invasive. Oggi vi spiegheremo come attirare le farfalle in giardino o nell’orto allestendo un ambiente accogliente per i lepidotteri.

Per spingere le farfalle adulte a deporre le uova nel vostro giardino, coltivate fiori ricchi di nettare, come le zinnie e le margherite. Molte specie di farfalle, una volta raggiunta la maturità, non vanno più in cerca di cibo. Ciononostante è possibile attirare le femmine nell’orto coltivando piante particolarmente appetibili per i bruchi come l’Asclepias, i cavoli o il prezzemolo. Le farfalle verranno a deporre le uova nel vostro giardino sicure che il bruco, una volta abbandonato l’uovo, avrà di che sostentarsi fino alla trasformazione in farfalla.

Prima di decidere cosa piantare in giardino, andate in biblioteca o nei musei di storia naturale locali e documentatevi sulle specie di farfalle presenti nella vostra regione, per scegliere le piante ospiti preferite dai bruchi delle specie autoctone e il tipo di nettare più gradito agli esemplari adulti.

Per dare la possibilità alle farfalle di riposare e godere del tepore del sole è bene coltivare piante come il trifoglio o l’erba medica e creare siepi e muri ricoperti di rampicanti, in modo da proteggere gli insetti da folate di vento troppo forti. Ricordatevi che i bruchi sono molto voraci e che alcune piante gradite alle farfalle sono specie infestanti.

L’ideale perciò è destinare un angolo ben isolato dell’orto o del giardino alle farfalle, piantandovi tarassaco, ortica, cardo e piante destinate esclusivamente a nutrire i bruchi. Tra le piante che più attirano le farfalle, oltre a quelle già citate, figurano il girasole, la lavanda, la menta, il timo, l’astro, il tiglio, il salice, il caprifoglio e il lillà.

In giardino non deve poi mancare una fonte d’acqua, come un piccolo stagno o una bacinella incassata nel terreno, riempita di ciottoli per permettere alla farfalle di posarsi. Oltre ad attirare le farfalle, questo piccolo specchio d’acqua servirà a far abbeverare gli uccelli.

30 dicembre 2014
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pier Giorgio, mercoledì 31 dicembre 2014 alle0:56 ha scritto: rispondi »

Io, purtroppo, non ho giardino e orto ma solamente balconi che sono un tripudio di fiori, Farfalle ne arrivano parecchie ma la gioia più grande è l'"esercito" di passeri che vengono a far colazione, pranzo e cena con il contenitore pieno di semi dedicati a loro e possono salutare le mie cocorite e i miei canarini e tutto ciò è una cosa meravigliosa.

Lascia un commento