Il cane è un animale socievole, che vive la propria famiglia come un branco. L’appartenenza a un dato gruppo gli garantisce stabilità emotiva e comportamentale, oltre che equilibrio psicologico. Perchè il nostro amico Fido, per essere felice, necessità di stimoli emotivi e relazionali. Come tutti gli esseri senzienti, anche lui cerca nel mondo esterno delle risposte e degli input che gli garantiscano gioia e appagamento.

>>Guarda i 5 modi per mantenere un cane attivo

Non solo cibo e crocchette, ma anche gioco, attività interessanti, stimolanti e situazioni nuove. Il cane ha bisogno di esprimere se stesso, senza blocchi né costrizioni. In particolare sviluppa l’urgenza di esternare i gusti, le scelte e le sfumature tipici della sua indole. Ogni cane possiede quindi un carattere, oltre a interessi personali che vanno assecondati se non pericolosi. Come gli uomini anche Fido si esprime, e nel farlo guadagna un equilibrio emotivo e psicologico.

>>Vai alla ricetta delle crocchette fai da te

Per questo adottare un animale è un passo importante, che ci può arricchire emotivamente. Ma per donare felicità al nostro cane è bene:

  • renderlo partecipe della nostre attività, così da sviluppare la sua propensione partecipativa e collaborativa con il suo personalissimo branco;
  • l’interazione sociale con i suoi simili, così da garantire un dialogo fluido tra simili e anche con altri umani extra branco;
  • proporre una buona perlustrazione dell’ambiente, tramite passeggiate in posti nuovi. La possibilità di visionare un nuovo spazio, ricco di stimoli anche olfattivi, è un passaggio utile alla sua crescita;
  • il rapporto come gara, stimolare il gioco presentandolo come attività per una sana competizione.
    • >>Leggi perché il cane segue l’uomo

      È importante quindi dedicare al nostro amico del tempo di qualità, magari attraverso passeggiate serene e tranquille. L’attività del gioco, la curiosità vanno stimolate e incentivate. Vanno corretti comportamenti sbagliati, non punite l’indole socievole e la sua ricerca di sicurezza in nostra presenza.

      19 marzo 2013
      Fonte:
Lascia un commento