Facebook e Greenpeace hanno annunciato una collaborazione con lo scopo di promuovere le energie rinnovabili, in modo da stimolare aziende e utenti privati a scegliere fonti di energia pulite e sensibilizzare il grande pubblico sulla necessità di evitare gli sprechi e risparmiare l’energia quando possibile.

L’intesa continua sulla stessa strada battuta da Greenpeace già da un paio d’anni con la campagna Greenpeace Unfrien Coal conclusasi proprio in queste ore e punta a sfruttare l’ampia platea di utenti del celebre social network di Palo Alto per portare il messaggio ambientalista letteralmente in ogni angolo del pianeta.

Facebook, inoltre, si è distinto negli ultimi tempi per scelte di carattere ecologico che hanno consentito di diminuire l’impatto ambientale derivato dalle sue attività, dando modo ad esempio alle richieste di circa 700.000 utenti che chiedevano di evitare il carbone come fonte di energia per alimentare i data center del gruppo, proprio dopo che la stessa Greenpeace aveva “tirato le orecchie” al social network.

Oggi, però, le cose sono cambiate ed è la stessa co-direttrice della campagna Energia e Clima di Greenpeace International, Tzeporah Berman, ad annunciare ufficialmente la collaborazione tra le due parti:

Greenpeace e Facebook lavoreranno da oggi insieme per convincere i principali produttori di energia ad abbandonare il carbone e a investire sulle fonti rinnovabili. Solo perseguendo la strada delle energie pulite sarà possibile lottare contro i cambiamenti climatici, rafforzare l’economia e tutelare la salute dei cittadini.

Parole a cui fanno eco quelle di Marcy Scott Lynn del Facebook’s sustainability program:

Facebook guarda lontano, a un giorno in cui le fonti energetiche primarie saranno pulite e rinnovabili, e stiamo lavorando con Greenpeace e con altri per far sì che quel giorno sia sempre più vicino. Da oggi, la nostra politica sulla localizzazione dei data center favorirà l’accesso alle fonti rinnovabili e con Greenpeace metteremo la forza del nostro network al servizio del pianeta. Greenpeace è stata particolarmente efficace nell’usare Facebook per l’ambiente, e siamo emozionati all’idea di lavorare insieme per permettere ai nostri utenti di misurarsi sul social network con le questioni energetiche che più stanno loro a cuore.

Oltre a compiere degli sforzi per alimentare i propri data center con energia pulita, Facebook porterà avanti, insieme a Greenpeace, lo studio di nuove soluzioni per l’efficienza energetica dell’Open Computer Project, cercando di fare da stimolo a tutto il settore delle aziende IT in modo da creare un circolo virtuoso a favore dell’energia pulita e rinnovabile.

15 dicembre 2011
Lascia un commento