Il cemento che assorbe l’inquinamento presentato a Expo Milano 2015. Denominato i.active Biodynamic, il materiale rappresenta il fiore all’occhiello della Italcementi ed è stato brevettato appositamente per il Palazzo Italia. È inoltre arrivato in finale agli European Inventor Award del 2014.

Questo cemento ha capacità fotocataliche, la sua particolarità è di esser stato realizzato con il principio attivo TX Active, che permette l’assorbimento di alcune sostanze inquinanti presenti nell’aria che vengono trasformate in nitrati e dilavate poi dalla superficie grazie alla pioggia.

Dal punto di vista tecnico risulta fluido, quindi adatto per i tempi stretti di costruzione imposti da Expo 2015, ma molto resistente e durevole. Il materiale è stato lanciato sul mercato ieri durante un evento mondiale tenutosi nell’auditorium proprio di Palazzo Italia alla presenza di delegazioni provenienti da quattro continenti.

Nel Palazzo Italia sono stati 750 i pannelli di questo materiale utilizzati. Essi creano un aspetto d’insieme particolarmente luminoso grazie agli scarti della lavorazione del marmo di Carrara, che sono stati recuperati e utilizzati per la malta.

Grande la curiosità da parte dei professionisti del settore e grande l’entusiasmo di Carlo Pesenti, Consigliere Delegato di Italcementi, che ha raccontato come anche un materiale come il cemento possa garantire maggiore sostenibilità senza perdere in qualità estetica:

Anche un settore “tradizionale” come quello dei materiali per le costruzioni è capace di rinnovarsi e di offrire nuove opportunità alla building community. Dalla nostra ricerca nascono performance e soluzioni grazie alle quali le intuizioni di architetti e ingegneri possono prendere forma e dare vita a edifici bellissimi, come Palazzo Italia.

11 settembre 2015
In questa pagina si parla di:
Immagini:
I vostri commenti
mex silvio, venerdì 11 settembre 2015 alle20:05 ha scritto: rispondi »

il marmo di Carrara e' anche conosciuto per la sua proprieta' di fermare le radiazioni ionizzanti ...!!!

Lascia un commento