Presentati i nomi degli 8 vincitori del concorso “Feed your future – Il coraggio di raccontare i numeri“. L’iniziativa targata Giornalisti Nell’Erba e Carlsberg Italia (che partecipa con il Birrificio Angelo Poretti) ha coinvolto giovani aspiranti cronisti di tutta Italia in vista dell’ormai prossima Expo 2015.

Gli aspiranti cronisti erano chiamati a inviare, per partecipare al concorso “Feed your future – Il coraggio di raccontare i numeri“, un contenuto giornalistico di presentazione entro il 23 marzo scorso. I possibili temi degli elaborati riconducevano a quelli che saranno i punti di forza di Expo 2015. A superare la selezione finale sono stati:

  • Giuseppe Toninelli, detto Peppe, 28 anni, Sicilia;
  • Laura Isola, che sarà impegnata con gli esami di maturità prima di recarsi a Expo 2015, Puglia;
  • Azzurra Giordani, 27 anni, Lazio, ha partecipato con una indagine sulla sostenibilità di una dieta insettivora;
  • Rachele Bevacqua, 22 anni, Lazio, volata fino a Parigi per la sua inchiesta (redatta in lingua francese);
  • Sara Leone, Lazio, video intervista al Banco Alimentare di Milano sul tema dello spreco alimentare;
  • Luca Masoero, 19 anni, Lazio, futuro ingegnere gestionale;
  • Gabriele Vallarino, 26 anni, Liguria;
  • Martina Cavallaro, 23 anni, Lombardia, vincitrice in più occasione del premio GNE e borsista per il corso euromediterraneo di giornalismo ambientale Laura Conti.

Presentati anche i nomi dei 4 “rinforzi”: Ludovica Criscitiello (28 anni, Campania), Matteo Isidori (24 anni, Lazio), Giordana Maddalena (25 anni, Lazio) e Francesco Regano (22 anni, Puglia). Una fase di selezione che si è rivelata molto dura e difficile, come conferma Paola Bolaffio (direttore di Giornalisti Nell’Erba):

Adesso lo possiamo dire: siamo stati davvero spietati. Legati a doppio filo dai temi del coraggio e del cibo del/per il futuro, abbiamo chiesto ai partecipanti di produrre un’inchiesta, un articolo in inglese, l’analisi di una tabella dati, un video, post di facebook e twitter. Il tutto in un solo mese di tempo.

Tanta la voglia di fare e di fare bene, numerose le richieste di delucidazioni e consigli, con tanti di loro abbiamo avuto un rapporto quotidiano. Tutto questo entusiasmo ci ha fatto affezionare, ma solo 12 di loro ce l’hanno fatta, gli 8 inviati e le 4 ‘riserve’.

Prossimo passaggio sarà la fase di preparazione pratica svolta da professionisti del mondo del giornalismo. Un primo passo sarà la correzione degli elaborati di partecipazione a cura di Paola Bolaffio. Un secondo momento interesserà l’ottimizzazione dei contributi video e sarà a cura di Alfredo Macchi, inviato Mediaset.

La terza fase della formazione pratica è affidata a Sergio Ferraris, consulente scientifico e direttore di QualEnergia: si occuperà di insegnare a comprendere chi si ha di fronte e i segreti per condurre un’intervista. Dedicato agli strumenti utili a sviluppare il “live journalism” sarà la spiegazione dei “software” più utili da parte di David De Angelis, direttore artistico GNE.

Capire come interagire al meglio con i social network sarà invece al centro del momento formativo affidato a Ilaria Romano, social media strategist gNe e team tutor. Comunicazione efficace e differenze tra giornalismo e pubblicità i temi trattati da Laura Marchini, Corporate Affairs Manager Carlsberg Italia. Concluderà la fase formativa il contributo di Fabio Iraldo, docente Management ambientale Scuola Sant’Anna di Pisa e capo ricercatore di sustainable management allo IEFE-Bocconi, che spiegherà ai vincitori i concetti fondamentali della “greenicità”.

Il concorso “Feed your future – Il coraggio di raccontare i numeri” rappresenta una sfida importante non soltanto per i giovani coinvolti, ma anche per la stessa azienda promotrice. A sottolinearlo Alberto Frausin, AD di Carlsberg Italia:

Per noi rappresenta l’occasione di avere il coraggio di gettare le basi per il futuro di tutto il Paese, partendo dall’offrire un’opportunità unica a dei giovani giornalisti ambientali, permettendogli di formarsi sul campo e, a loro volta, trasmettere quanto impareranno a tutti i loro coetanei affinché siano cittadini e consumatori informati e consapevoli.

3 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento