Evitare gli odori molesti di una lettiera del gatto tenuta male è l’obiettivo principale di chi convive con un felino. Il gatto si sa, è un animale pulito che tiene particolarmente alla propria igiene personale, ed è alquanto indipendente anche per quanto riguarda deiezioni e simili. Ovviamente però, se non si possiede un giardino o uno spazio verde, la soluzione è la lettiera.

Per evitare che l’odore della lettiera investa gli ospiti appena varcata la soglia di casa, è giusto trovare qualche accorgimento utile per una buona manutenzione. Prima di tutto, se possibile, è meglio non posizionare la lettiera del gatto scoperta in bagno; piuttosto è meglio coprirla creando una sorta di box con apertura d’entrata. Ad esempio una scatola farà al caso vostro, e il gatto si sentirà meno osservato durante questa pratica privata.

Una seconda variante potrebbe essere quella di trasformare un mini armadietto in una sorta di stanzetta privata: basterà ricoprire la base interna con della plastica e adagiarvi la lettiera. Tenendo aperti gli sportelli il gatto potrà usufruire dello spazio alla bisogna. Utilizzare poi una lettiera molto grande potrebbe risolvere molti problemi, come ad esempio la sabbiolina sparsa al di fuori della cesta. Risultato inevitabile dopo i bisogni del vostro micio, ma facilmente eliminabile grazie ad un aspirapolvere che dovrete tenere sempre nei paraggi.

Per una pulizia assoluta è importante che la lettiera venga svuotata dai bisogni con frequenza, e ripulita la zona circostante. Ricoprendo il pavimento con carta assorbente, velocemente intercambiabile, si favorisce un ambiente più salubre. Ma è importante, una volta al mese, svuotare completamente la cesta, lavarla e disinfettarla, quindi riempirla con nuova sabbietta. Areando di frequente la stanza, anche con l’ausilio di detergenti a spruzzo, potrete garantire uno spazio pulito e igienico per il gatto e anche per voi.

27 marzo 2012
Fonte:
I vostri commenti
Locuzione, venerdì 19 luglio 2013 alle19:48 ha scritto: rispondi »

Pfui! Non dice neppure di aggiungere bicarbonato o enzimi! Il pudore in cesso ce l'hanno i padroni! Le bestiole semmai imitano! Comunque: a che serve disinfettare? Se dopo la pulizia resta qualche batterio sparuto, che differenza fa rispetto alla caterva di batteri che inonderanno la latrina gattesca dal primo uso seguente, e per un mese?

Lascia un commento