Età del cane: smentito il mito dei 7 anni

Sarà capitato spesso di sentire, soprattutto agli appassionati di cani, la leggenda secondo cui a un anno del quadrupede corrispondano 7 anni umani. Una credenza popolare ben diffusa, tanto che la maggior parte delle persone calcolano l’esistenza dell’amico a quattro zampe proprio basandosi su questa definizione. Eppure nuovi interventi da parti degli esperti e della scienza smentiscono questa ipotesi, sottolineando come quella dei sette anni sia un’usanza priva di fondamento.

Secondo gli esperti di Science Alert, i quali hanno reso disponibile una tabella per verificare quanto sia adulto l’amico cane, l’invecchiamento del quadrupede non segue le stesse logiche degli umani. La crescita avviene più velocemente nella prima fase della vita, mentre rallenta sensibilmente nella terza età. Nel dettaglio, a 12 mesi l’animale scodinzolante è praticamente sovrapponibile a un adolescente di 15 anni, poiché la maturazione sessuale è entrata nel vivo, mentre a 24 mesi la sua vitalità può essere paragonata a quella di uno studente universitario.

=> Scopri come prendersi cura di un cane anziano


Da questo momento, la fase di invecchiamento comincia a rallentare: il periodo dell’età adulta si dilunga notevolmente, risultando in prospettiva anche più stabile rispetto all’evoluzione nel tempo tipica dell’uomo, mentre la vecchiaia vera e propria subentra negli ultimi due o tre anni di vita. È quindi impossibile usare l’equazione dei 7 anni: la prima fase dell’esistenza canina procede anche più velocemente, mentre quella finale più lentamente.

=> Scopri come allungare la vita del cane


Ma da dove è giunta la leggenda relativa ai 7 anni? Secondo quanto riportato da AdnKronos, si tratterebbe di una consuetudine nata più a scopo di marketing che per altre ragioni. A sottolinearlo sono i veterinari della Kansas State University, nel rilevare come la consuetudine si sia affermata soprattutto nel ‘900, con la crescita degli acquisti rivolti agli animali domestici. Un’iscrizione presenza nell’Abbazia di Westminster, risalente al 1268, calcola tuttavia gli anni dell’amico domestico moltiplicandoli per nove.

2 maggio 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento