Ormai anche quando si viaggia all’avventura una delle condizioni necessarie per la sopravvivenza è avere una seppur minima fonte di energia. Strumenti GPS, smartphone, luci, possono essere essenziali. Ci sono poi altri dispositivi che possono rendere il viaggio più confortevole o più tecnico. Come fare però per tenere in carica tutti questi apparecchi, se non siamo collegati all’elettricità? Se abbiamo scelto di accamparci vicino ad un corso d’acqua Estream può essere la soluzione.

Si tratta di una piccola centrale idroelettrica che possiamo portare sempre con noi date le ridotte dimensioni. Attualmente è in corso una campagna su Kickstarter per vendere i primi modelli. È la start up della Corea del Sud, Enomad, che li realizza. I primi che acquisteranno Estream lo riceveranno in gennaio 2017 al prezzo di 180 dollari, prezzo che entro la fine dell’anno si stabilizzerà sui 250 dollari.

Una cifra affrontabile per chi vuole viaggiare in sicurezza e comodità. Estream è lungo 24,6 cm, ha un diametro di 6,4 cm e pesa circa 800 grammi. È praticamente una turbina a pale, che si possono anche ripiegare per un minor ingombro durante il trasporto. Quando serve vengono aperte e occupano un diametro di 21,6 cm.

L’apparecchio è dotato di una batteria agli ioni di litio che si carica a 6.400 mAh in un tempo di 4 ore e mezza. Può produrre dai 2,5 ai 5 W di energia se posto lungo una corrente, anche debole.

Estream struttura

Quando la carica è completa la batteria può anche essere staccata dalla turbina e dal generatore, ed essere utilizzata per caricare telefono o altri apparecchi per mezzo di una porta USB, più velocemente rispetto a quanto avvenga una ricarica da una presa “normale”, oppure usata direttamente come pila grazie alla lampadina LED di cui è dotata.

L’azienda sta continuando nella ricerca per migliorare Estream in termini di impermeabilità, resistenza e leggerezza. Cerca inoltre nuovi partner per espandere la società e rendere il pack, con cui il dispositivo viene venduto, sempre più ricco di accessori.

Per adesso chi lo acquista riceverà anche una protezione per le pale, per quando c’è il rischio che si danneggino in presenza di rocce o detriti galleggianti, e cavo e piolo per attaccarlo in sicurezza durante la carica.

30 agosto 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento