Un buon esercizio fisico può essere utile quanto le medicine. A sostenerlo una ricerca condotta nel Regno Unito, pubblicata sul British Medical Journal, che ha preso in esame i risultati di oltre 300 studi realizzati dalla London School of Economics, dell’Harvard Pilgrim Health Care Institute at Harvard Medical School e della Stanford University School of Medicine.

I ricercatori hanno confrontato una serie di casi clinici specifici analizzandone la migliore possibile terapia in relazione a patologie quali diabete, riabilitazione dopo un ictus e malattie cardiovascolari. Ne è risultato un sostanziale pareggio tra l’utilizzo di medicinali e un sano e corretto esercizio fisico.

In un caso l’esercizio fisico sarebbe inoltre risultato un rimedio naturale molto efficace, più della terapia farmacologica. Si tratta nello specifico dell’ictus, contro il quale uno stile di vita sano e un buon allenamento restano la cura migliore. A sostenerlo anche un recente studio della University of Alabama at Birmingham (UAB).

Unica patologia contro la quale risulterebbero più efficaci le normali terapie farmacologiche l’insufficienza cardiaca, per la quale i risultati migliori sarebbero quelli assicurati dai medicinali diuretici. In ogni caso i medici consigliano di abbinare entrambe le possibilità, esercizio fisico e medicinali, per ottimizzare il recupero o la protezione nei confronti delle patologie.

3 ottobre 2013
I vostri commenti
simone, lunedì 7 ottobre 2013 alle13:36 ha scritto: rispondi »

Stavo sfogliando il nuovo numero di Focus e ho scoperto di quanto siano utili ancora oggi le vaccinazioni.In tanti pensano erroneamente che favoriscano malattie autoimmuni, ma in realtà non hanno effetti collaterali e sono ancora importantissimi per tutte le età.

Lascia un commento