Snellire le gambe è spesso uno dei passaggi chiave per arrivare tornare in forma. Non per tutti è però possibile ottenere tale risultato solo rispettando un sano ed equilibrato regime dietetico. In alcuni casi possono rendersi necessari alcuni esercizi fisici per raggiungere l’obiettivo sperato.

Molti esercizi per migliorare il proprio stato di forma e snellire le gambe sono del tutto compatibili con l’allenamento all’interno della propria casa. Sarà opportuno soltanto ricavarsi un po’ di spazio e alcuni minuti di tempo per esercitarsi senza fretta.

Esercizi per snellire le gambe

  1. Affondi frontali: Si parte in piedi, gambe leggermente divaricate con le estremità in corrispondenza delle anche. Si compie un passo in avanti con la gamba sinistra, piegando il ginocchio fino a formare un angolo retto e mantenendo dritta la gamba destra. Tenere la posizione per circa un paio di secondi e ripetere l’esercizio con l’altra gamba. Ogni coppia di affondi deve essere ripetuta per 10 volte;
  2. Affondi laterali: La posizione di partenza è la stessa dell’esercizio precedente, mentre il passo da compiere è questa volta laterale. Il piede deve portarsi oltre l’altezza delle spalle mentre il ginocchio si piega in maniera analoga agli affondi frontali. L’altra gamba resta in tensione pur poggiando bene la pianta del piede a terra, la schiena deve essere tenuta dritta sfruttando per questo anche la muscolatura addominale. Anche in questo caso tenere la posizione per pochi secondi e passare all’altra gamba. Ripetere per 10 volte;
  3. Squat o piegamenti sulle ginocchia: Si parte in piedi le braccia distese lungo i fianchi. Tenendo la schiena ben dritta, grazie alla contrazione di glutei e addominali, il passo successivo è il piegamento delle ginocchia mentre allo stesso tempo le braccia si alzano fino ad essere perpendicolari al busto. Ripetere tra le 10 e le 20 volte in base alla propria resistenza;
  4. Esercizio a gamba singola: Per questo esercizio la posizione di partenza è da terra, sdraiati su un fianco con il braccio a terra piegato e posizionato sotto la testa. L’altra mano verrà poggiata a terra davanti all’addome per facilitare il mantenimento dell’equilibrio. Portare la gamba “libera” in alto con il piede in posizione normale e sollevare fino a sollecitare lo sforzo muscolare. Non è necessario esagerare per ottenere risultati, soltanto mantenere un buon ritmo d’esecuzione sollevando e abbassando la gamba per 10 volte. Alternare il lavoro delle due gambe svolgendo tre ripetizioni per entrambe;
  5. Esercizio a gamba stesa: Partendo in piedi con la schiena ben dritta sollevare una delle due gambe, tesa, fino a portarla ad angolo retto rispetto al pavimento. Non sforzate la schiena per sollevarla, ma i muscoli della gamba e quelli addominali. L’esercizio può essere svolto anche poggiandosi alla parete con la schiena per assicurarsi di avere il tronco dritto. Tenere la gamba in posizione per cinque secondi e poi passare all’altra, ripetendo l’esercizio per 10 volte con entrambe le estremità.

Alcuni esercizi possono essere inoltre resi più impegnativi sfruttando dei pesi. Nel caso degli ultimi due esercizi il maggiore impegno può essere ottenuto grazie a delle cavigliere da mezzo chilo, che possono essere legate all’estremità.

Per quanto riguarda gli affondi, sia frontali che laterali, come per lo squat, al normale esercizio possono essere aggiunti dei manubri da un chilo, uno per ciascuna mano. L’utilizzo di pesi alle caviglie e di manubri non è però consigliato a tutti, soprattutto è bene che avvenga soltanto dopo aver raggiunto uno stato di forma già buono.

Utilizzare in questo caso soprattutto buon senso e non strafare, i risultati si ottengono eseguendo correttamente gli esercizi, non esagerando e correndo il rischio di infortuni muscolari.

Alcuni consigli utili

Snellire le gambe può richiedere però anche una certa attenzione dal punto di vista dell’alimentazione. Da preferire un largo consumo di frutta e verdura, mentre sarà opportuno ridurre alcuni tipi di condimenti come ad esempio il sale.

Bere molto è un altro di aiutare le proprie gambe a depurarsi, stando attenti però a scegliere un’acqua povera di sodio per ridurre la ritenzione idrica. Allo stesso modo alcuni infusi potranno indurre in simile effetto, tra questi ad esempio le tisane al tarassaco, alla malva o al sambuco.

24 giugno 2014
Lascia un commento