Escherichia coli: possibili rischi anche con la farina cruda

La farina cruda potrebbe contenere Escherichia coli. Lo hanno rivelato i dati di uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine e realizzato dal CDC e dalla US Food and Drug Administration.

I ricercatori hanno individuato un focolaio di Escherichia coli nel 2016 legato proprio alla farina e hanno scoperto che il problema potrebbe essere più comune di quanto si pensasse. Generalmente i cibi ritenuti un veicolo per agenti patogeni di origine alimentare sono la carne cruda e altri prodotti come il latte non pastorizzato.

=> Scopri sintomi, cura e prevenzione dell’Escherichia coli

Adesso si scopre che anche la farina cruda potrebbe contenere Escherichia coli. Questo microrganismo può provocare crampi allo stomaco, diarrea, vomito e febbre, che tendono a risolversi spontaneamente in un periodo che va dai 5 ai 7 giorni. Alcuni pazienti però possono sviluppare delle complicanze gravi in cui i reni smettono di funzionare. Possono riportare dei danni permanenti ai reni e questo potrebbe essere molto pericoloso.

=> Leggi proprietà e preparazione della farina di cocco

Gli esperti hanno individuato varie marche di farina che sarebbero state veicolo di Escherichia coli. Hanno sottolineato che individuare una causa diretta è stato difficile perché la farina cruda o poco cotta non è inclusa come cibo a rischio nella maggior parte dei questionari che indagano le malattie di origine alimentare.

Inizialmente i soggetti intervistati hanno dichiarato di aver consumato anche delle gocce di cioccolato, ma gli scienziati hanno escluso che queste potessero essere causa di contagio.

27 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento