Escherichia coli: gli alimenti più a rischio contaminazione

L’Escherichia Coli, di cui ne sono noti più di 170 sierotipi, è un tipo di microorganismo che vive nell’intestino dell’uomo e degli animali. È un batterio Gram-negativo che appartiene all’ampio e numeroso genere Escherichia. Sebbene la maggior parte dei tipi di Escherichia Coli siano innocui, alcuni possono causare tossinfezioni più o meno gravi.

Tra tutti, quello noto come E. coli O157:H7 può causare diarrea con perdite di sangue, determinare l’insorgenza di insufficienza renale e, nei casi più gravi di infezione anche portare alla morte. L’Escherichia coli O157:H7 produce una tossina, chiamata shiga, perciò è indicato anche con la sigla STEC.

Una grave complicanza associata a infezione da Escherichia Coli è la sindrome emolitica uremica: l’infezione batterica produce sostanze tossiche che distruggono i globuli rossi e causano lesioni ai reni. La sindrome uremica richiede cure intensive, tra le quali anche la dialisi renale e trasfusioni di sangue. L’Escherichia coli O157:H7 è stato responsabile di diversi focolai di infezione negli Stati Uniti, in Canada, Spagna, Francia, Germania, Giappone e Regno Unito registrati a partire dall’inizio degli anni ’80.

=> Scopri classificazione e struttura dei batteri


In questo articolo diamo uno sguardo alle fonti alimentari più comuni di avvelenamento, ossia a quegli alimenti che sono stati identificati come fonti di epidemie negli ultimi decenni. Oltre a questi già noti, è importante ricordare che qualsiasi cibo o bevanda potrebbero essere contaminati durante le fasi di preparazione, durante la coltivazione o la manipolazione.

Alimenti a rischio

Asparagus

L’elenco di alimenti e bevande più spesso contaminati dall’Escherichia Coli fornisce una panoramica di quelli che sono stati identificati – o sono sospettati – come comune fonte di focolai di infezione in tutto il mondo:

  • prodotti a base di carne cruda o poco cotta, come carne macinata, hamburger, salami più o meno stagionati, salsicce, carne di pollo e di selvaggina;
  • germogli freschi di erba medica, ravanello e anche di trifoglio;
  • latte crudo non pastorizzato, yogurt, formaggio prodotto a partire da latte crudo non pastorizzato, gelato fresco realizzato con latte non pastorizzato e latte crudo di capra;
  • frutta e verdura fresche come lattuga, cavoli cappucci, cetrioli, spinaci, ravanelli, broccoli e melone;
  • bevande fresche come acqua potabile, succo di mela, d’arancia e siero di mele non pastorizzati;
  • panini e tramezzini freschi, maionese, pasta cruda per biscotti, nocciole in guscio e noci sgusciate.

=> Scopri la lattuga contaminata da Escherichia coli


La cottura e il rispetto delle buone norme igiene sono le principali regole per prevenire l’infezione.

Infezione: sintomi

Il periodo di incubazione dell’infezione da Escherichia coli varia da 1 fino a 10 giorni. I sintomi con cui si manifesta sono:

  • dolori addominali;
  • diarrea, che nei casi più gravi è accompagnata dalla perdita di sangue;
  • vomito;
  • poca febbre o, in alcuni casi, anche nessuna variazione della temperatura corporea.

La malattia, nei casi privi di gravi complicazioni, si risolve nell’arco di 5-10 giorni. Negli episodi più preoccupanti, invece, dopo circa una settimana cominciano a manifestarsi i sintomi delle complicazioni, come ad esempio la sindrome emolitica uremica.

Cosa fare

Glass

Il vomito e la diarrea comportano la perdita di molti liquidi, pertanto uno dei primi suggerimenti del medico è quello di cercare di bere molto. L’infezione è molto debilitante e anche parecchio intensa, pertanto è preferibile rivolgersi al medico, soprattutto quando a esserne interessati sono bambini e anziani.

22 maggio 2018
Immagini:
Lascia un commento