L’ernia inguinale è la condizione causata dalla fuoriuscita di una porzione di grasso o, addirittura una parte d’intestino tenue, da una zona di debolezza nella parte inferiore dell’addome: in particolare, è localizzata tra la fine dell’addome, della pancia e l’attaccatura della coscia.

Alla visita, ma anche al paziente stesso, si presenta come un rigonfiamento delle dimensioni di una noce da un lato dell’inguine, ma non è raro sia bilaterale.

Si tratta di una condizione comune che riguarda uomini e donne di tutte le età e, a differenza di altre ernie, si manifesta frequentemente anche nella prima infanzia. In genere si tratta di una condizione che difficilmente viene ignorata in quanto, dalla prima manifestazione in poi, tende ad aumentare progressivamente di volume.

Classificazione

Le ernie inguinali si dividono in due sottotipi:

  • indirette, ossia congenite;
  • dirette, causate da una degradazione del tessuto connettivo della muscolatura addominale.

La prima si verifica più comunemente nei maschi perché è in un certo senso correlata allo sviluppo fetale, ma non è rara nemmeno nella donna.

L’ernia diretta è la forma meno comune ed è causata dall’indebolimento della parete addominale. Ha uno sviluppo progressivo che peggiora con la sollecitazione dei muscoli addominali, specialmente con:

  • sollevamento scorretto di pesi importanti;
  • stitichezza;
  • obesità addominale;
  • tosse cronica.

Una delle caratteristiche più note e curiose dell’ernia inguinale è che la protuberanza è mobile: lo stesso paziente la può spostare e, spesso, è addirittura possibile farla rientrare con una lieve pressione.

Per queste considerazioni e per il fatto che una delle più frequenti complicazioni è la ricomparsa, ovvero la recidiva, dopo alcuni anni dall’operazione è possibile che al paziente venga consigliato di intervenire con un approccio di cura naturale.

Questo approccio è valido soprattutto quando l’ernia è piccola e non dolorosa.

Cura naturale

L’ernia inguinale recidiva, ma anche non complicata, potrebbe essere trattata con la giusta dieta e specifici esercizi per la muscolatura addominale.

In merito alla dieta, il primo fatto importante è che sia equilibrata e regolare, ossia che non causi l’aumento di peso. In generale, comunque, la dieta per chi soffre di ernia inguinale dovrebbe fornire gli elementi utili per la sintesi del collagene e dell’elastina: molecole indispensabili per la sintesi del tessuto connettivo della parete addominale.

La dieta, dunque, deve essere ricca di:

  • pesce, ottima fonte zinco e rame utili per sintesi di collagene;
  • soia, buona fonte di arginina;
  • frutta e verdura fresca ricche di vitamina C
  • alimenti ricchi di magnesio come verdure a foglia verde, semi di zucca al naturale, germogli di soia, riso e quando la stagione lo consente carciofi.
  • fibre, dunque i cereali integrali, e yogurt che facilitano il transito intestinale dei cibi e riducono il rischio di stitichezza.

Altri utili accorgimenti sono un programma mirato di esercizi fisici di lieve e media intensità per rinforzare la muscolatura addominale e indossare sotto gli abiti una fascia contenitiva. Tra le attività fisiche più adatte c’è lo yoga, sempre delicato ma estremamente efficace.

9 novembre 2014
I vostri commenti
Francesca Antonucci, giovedì 25 agosto 2016 alle14:53 ha scritto: rispondi »

Tutti le azioni devono essere decise dal medico che sta seguendo il caso: ogni intervento è diverso dall'altro e ogni paziente ha una storia clinica che solo il medico che l'ha in cura conosce.

Giorgio bonaldi, martedì 9 agosto 2016 alle21:52 ha scritto: rispondi »

Da poco ho passato i 67 anni ,2 mesi fa" ho fatto intervento ernia inguinale dx ,in day hospital,sono.stato attento una volta tornato a casa a non strafare troppo ,ho preso della tachipirina Per un mese circa con buon risultato,ora da circa 15 ,giorni,sono tornati i dolori precedenti operazione,e dopo intervento ,circa 15 o 10 giorni post operatori ,sono stato medicato in ambulatorio ospedale,rifare intervento mi fa" rabbrividire,si può,," curare in qualche modo?

domenico, mercoledì 3 agosto 2016 alle22:42 ha scritto: rispondi »

ho 45 anni 2 anni sono stato operato di ernia inguinale sx che dopo circa 2 mesi mi uscita di nuovo ,6 mesi fa lo rifatta e dopo 3 mese di nuovo come prima non so più cosa fare

Giorgio, domenica 29 maggio 2016 alle16:39 ha scritto: rispondi »

Ho 67 e sono in forma fisicamente magro e muscolarmente molto attivo. Mi e' venuto un bruciore sull inguineiguine e non un bozzo dove mi ero gia operato una 20 di anni fa Il dottore mi ha detto che' una recidiva e mi devo operare. Ho necessita di partire per un mese di lavoro e non posso operarmi subito cosa rischio che terapie devo fare per poterla controllare. Faccio gia addominali e pilates

Armando, venerdì 25 marzo 2016 alle15:35 ha scritto: rispondi »

Da circa un anno è riuscita l'ernia dx recidiva. Dovuta,credo, ad una forte stitichezza che ho avuto per due mesi. Ho un gonfiore sulla parte destra ed un leggero dolore nulla altro. Domando: è vero che ci sono delle persone chiamati MANIPOLATORE che con massaggi possono farla rientrrare? Grazie della risposta. Armando Mele

Lascia un commento