Torna il pericolo di epatite A in Italia. Secondo i dati raccolti dal Ministero della Salute e dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) i casi registrati segnano un incremento del numero di soggetti colpiti pari al 70% in un periodo compreso tra la fine del 2012 e i primi 5 mesi del 2013. Preoccupazione espressa dal dicastero guidato da Beatrice Lorenzin, allertato dalle statistiche fornite dal Seieva (Sistema epidemiologico integrato dell’epatite virale acuta).

>>Scopri i pericoli per la salute legati a un eccesso di igiene

Gli aggiornamenti Seieva sui nuovi casi di epatite A sono stati forniti da 16 Regioni, che tramite il Seieva hanno permesso di individuare l’incremento avuto nel periodo marzo-maggio (+70%). Le aree più a rischio sembrano essere il Centro-Nord con Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Veneto, a cui si aggiunge per quanto riguarda il Sud la Puglia. Nessun allarme da parte del Ministero della Salute per il momento, ma un invito agli enti locali al continuo monitoraggio della situazione:

Alla luce della particolare situazione in atto, fino al 31 luglio 2013, le segnalazioni dei nuovi casi e gli eventuali focolai epidemici devono essere avanzate tempestivamente al ministero e all’Istituto Superiore di Sanità.

>>Leggi le connessioni tra malattie cardiovascolari e gli alimenti per microonde

L’origine della patologia è l’HAV (Hepatitis A Virus), trasmesso per via oro-fecale di solito attraverso il consumo di cozze o con vegetali e altri alimenti lavati con acque contaminate da residui fecali. Una nuova possibile minaccia secondo i dati europei verrebbe dai frutti di bosco congelati, aprendo alla possibilità che il virus sopravviva anche al processo di congelamento.

Ricordarsi nelle aree a rischio di prestare particolare attenzione alla provenienza delle acque con cui vengono risciacquate le verdure. In caso di dubbi ricorrere all’utilizzo di disinfettanti a uso alimentare. Allerta infine dal Ministero della Salute per quanto riguarda i viaggi in Egitto, nuovo possibile focolaio della patologia: chi non ha già sviluppati i necessari anticorpi è bene si vaccini contro la malattia almeno 3 mesi prima del viaggio.

29 maggio 2013
Lascia un commento