L’eolico non è dannoso per gli uccelli secondo la RSPB. La Royal Society for the Protection of Birds ha scelto di installare una turbina eolica ad un’altezza di 100 metri da terra, a dimostrazione del proprio supporto verso tale fonte rinnovabile e coloro che ne dichiarano l’inoffensività nei confronti dell’avifauna.

L’installazione di una turbina eolica da parte della Royal Society for the Protection of Birds è avvenuta presso la sede di Sandy, nel Bedfordshire (UK). La potenza installata è pari a 0,8 MW, mentre il diametro del rotore è di 53 metri. L’elettricità che verrà prodotta dall’impianto eolico sarà equivalente alla metà di quella utilizzata dai 127 siti sotto la gestione dell’RSPB nel territorio britannico e consentirà di risparmiare all’ambiente l’emissione di 800 tonnellate di CO2.

Un sostegno all’eolico che la RSPB ha ribadito più volte, anche nelle molteplici occasioni nelle quali è stata chiamata a fornire consulenze, relativi a traiettorie di volo, nidificazione e flussi migratori degli uccelli, in merito alla realizzazione di nuovi progetti eolici.

La più grave ed evidente minaccia per gli uccelli non sarebbe rappresentata dagli impianti eolici, sostiene la Royal Society for the Protection of Birds, ma dai cambiamenti climatici. Secondo quanto ha dichiarato Martin Harper, direttore delle attività di conservazione di RSPB:

In tutto il mondo possiamo vedere come i cambiamenti climatici stiano già interessando la fauna selvatica e i siti in cui vivono, così come stiano provocando danni alle nostre case e all’economia.

Nel Regno Unito abbiamo un potenziale eolico enorme, sufficiente per soddisfare una porzione significativa, se non tutta, della nostra domanda di elettricità. L’energia eolica è una tecnologia collaudata e affidabile, che riduce le emissioni di gas serra. Ma le turbine devono essere installate in zone in cui siano in sintonia con l’ambiente naturale.

3 marzo 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento