È ormai in partenza la realizzazione del primo impianto eolico offshore in Italia. La sede scelta è Taranto, dove il progetto “Beleolico” prevede l’installazione di dieci maxi turbine. La potenza nominale indicata è di 30 MW, ciascuna turbina potrà contare su una potenza di 3 MW, mentre mentre l’avvio della produzione di energia è fissato per l’autunno del 2018.

=> Scopri il potenziale dell’eolico sul fronte occupazionale

L’eolico offshore presso il porto di Taranto potrà contare su 4 turbine disposte lungo la linea dello stesso approdo, a cui si aggiungeranno ulteriori 6 pale posizionate più a largo. La produzione annua di energia prevista per il parco eolico tarantino è pari a 80 GWh.

=> Scopri il parco eolico UK, prima al mondo connesso con sistema accumulo

A gestire il progetto è Belenergia attraverso la controllata Beleolico srl, che si è aggiudicata l’asta indetta a giugno 2016 con un ribasso sulla base d’asta del 2% (risulta inoltre essere stato l’unico soggetto partecipante all’asta).

Le 10 turbine richieste dal progetto saranno delle Senvion 3.0M122, la cui azienda curerà inoltre la manutenzione per i successivi 25 anni, dalla potenza nominale di 3 MW ciascuna e un’altezza al mozzo di 100 metri. La consegna è prevista per l’estate 2018, mentre entro l’autunno è indicato il completamento dell’installazione (che avverrà a profondità del fondale marino comprese tra i 4 e i 18 metri).

20 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pescespada Trafitto, martedì 20 giugno 2017 alle10:29 ha scritto: rispondi »

Che fine ha fatto l'idea dell'accumulo subacqueo ad aria compressa? Chissà se per un impianto del genere Belenergria ha previsto un adeguato accumulo!

Lascia un commento