L’impianto eolico offshore più grande al mondo ha iniziato la sua produzione nel Regno Unito. Situata a circa 12 miglia (poco meno di 20 km) dall’estuario del Tamigi, a largo delle coste del Kent e dell’Essex, la centrale di London Array vanterà una volta a pieno regime una capacità produttiva di 630 MW.

L’eolico offshore di London Array consentirà, con le sue 175 pale, di produrre energia elettrica per approssimativamente 470.000 abitazioni del Regno Unito. Al momento risultano però installate soltanto 15 delle 175 pale previste, con il completamento della struttura previsto entro la fine del 2012.

Entusiasta il commento all’avvio della produzione da parte del Dr. Tony Cocker, CEO di E.ON UK, partner del progetto London Array insieme con Dong Energy e Masdar:

Non è soltato una pietra miliare per lo sviluppo del London Array, ma è un punto di riferimento per il settore delle energie rinnovabili globali. Noi crediamo fermamente che l’elettricità da fonti rinnovabili ha un ruolo vitale da giocare nel contribuire a condurre l’energia in una direzione che sia sostenibile, affidabile e sicura e questo è il motivo per il quale auspichiamo una riduzione dei costi dell’eolico offshore del 40% entro il 2015.

C’è infine attenzione per l’attesa approvazione della seconda fase di sviluppo del progetto, che prevederebbe l’ulteriore crescita dell’impianto offshore fino a giungere ad una capacità produttiva di 870 MW.

30 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento