L’eolico non rappresenta una minaccia diretta alla salute pubblica. A confermare l’ipotesi secondo la quale la prossimità degli impianti eolici non comporterebbe rischi per le persone un nuovo studio scientifico presentato dal Massachusetts Institute of Technology (MIT).

Nessun danno alla salute umana secondo i ricercatori statunitensi, che hanno analizzato durante lo studio i possibili effetti dei parchi eolici sull’uomo. Tra questi la risposta antropica in termini di stress, disturbi del sonno e un insieme di ulteriori malattie in alcuni casi associate, erroneamente sottolinea ANEV, all’eolico.

Secondo i risultati presentati dai ricercatori del MIT, frutto dell’analisi di precedenti studi condotti sia in Europa che negli USA, le emissioni acustiche, comprensive di quelle riguardanti l’infrasuono, degli impianti eolici non impatterebbero la qualità della vita di coloro che abito in prossimità o nelle immediate vicinanze dei parchi eolici.

Sottolinea infine ANEV come, secondo lo studio, in uno degli studi analizzati (relativo alla Polonia del nord) i risultati peggiori in termini di qualità della vita erano al contrario riferiti a coloro che abitavano a più di un chilometro e mezzo dalle turbine.

Un risultato che l’Associazione Nazionale Energia del Vento si augura possa servire a placare gli allarmismi diffusi in merito, contro i quali si era già espresso un precedente studio, pubblicato lo scorso agosto da parte dei ricercatori dell’Energy and Policy Institute di Washington. In quel caso ad essere smentita era stata l’esistenza della cosiddetta sindrome delle turbine eoliche.

4 dicembre 2014
Lascia un commento