Trasformare la propria abitazione in un’accogliente dimora alimentata dall’energia solare non è di certo semplice. Raccolti i fondi, realizzata una bozza di progetto, rimane il problema dell’installazione: a quale azienda conferire l’incarico? Quanto spendere? Di chi fidarsi? In un mercato giovane, con un’informazione settoriale e centellinata, al consumatore mancano i dati di base per scegliere fra le varie società disponibili. Un progetto nato negli Stati Uniti, però, promette di rivoluzione quest’ambito.

Si chiama EnergySage ed è una startup a stelle e strisce recentemente finanziata dal dipartimento dell’energia. Il progetto è il lancio di un sito, un vero e proprio super motore di ricerca, che accompagnerà i clienti nella realizzazione di un impianto solare. Il tutto con un solo click sul proprio computer.

>>Scopri i pannelli solari del futuro

Il sito, attualmente in fase di beta testing e riservato solo ai consumatori oltreoceano, ha un funzionamento semplice ma molto efficace. L’utente si iscrive al portale inserendo i dati sull’abitazione, specificando che tipologia di impianto solare vorrebbe montare. A questo punto entrano in gioco gli installatori, i quali autonomamente elaborano dei preventivi di spesa presentandoli direttamente al cliente. Fra questi, l’utente sceglierà l’azienda preferita non solo in base ai costi comparati dal cervellone elettronico di EnergySage, ma anche dal feedback lasciato dai precedenti consumatori. Così facendo, le aziende possono aumentare il loro mercato sulla base dell’effettiva bontà dei loro prodotti, approfittando anche del passaparola, mentre il privato riuscirà a risparmiare somme ingenti – anche del 20-30% – sull’installazione.

John Gingrich, vicepresidente di EnergySage, ha spiegato alla stampa come il sistema sembri già essere un successo, nonostante la fase di beta. Pare che siano in molti i clienti e le aziende che abbiano richiesto di poter partecipare e altrettante sono le installazioni andate a buon fine. Un progetto che anche il mercato sta guardando con particolare attenzione: oltre ai 500.000 dollari ottenuti dal dipartimento dell’energia, infatti, la startup è riuscita a raccogliere un milione di dollari in investimenti privati. Per quale motivo, tuttavia, la comparazione assistita si rende così necessaria nel mercato del solare?

>>Scopri l’impianto fotovoltaico riciclabile

L’installazione di un impianto fotovoltaico è sempre una scelta complessa per il consumatore. Non solo per la spesa, ma anche per la ristrettezza di alcune normative, il possibile accesso ad agevolazioni, la riduzione di tasse e i conseguenti guadagni dall’immissione in rete di energia autoprodotta. Un mondo complesso e confuso, in sostanza, che potrebbe scoraggiare anche i privati più determinati. EnergySage, così come Ginrich sottolinea, aiuta i consumatori a comparare “mele con mele”, rendendo il tutto semplice e comprensibile. Dal lato delle aziende, invece, la startup aiuta ad abbattere i costi di acquisizione di un nuovo cliente, riducendo anche del 20% gli esborsi in promozione e advertising. Non resta che attendere la chiusura della beta e l’apertura totale al pubblico e chissà che il portale non sbarchi presto anche in Europa.

19 gennaio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento