Energy drink potenzialmente dannosi. L’allarme viene dal Ministero della Salute, che guarda con preoccupazione al possibile abbinamento tra queste bevande e il consumo di alcol. L’interazione tra le due componenti a quanto pare rappresenterebbe un serio pericolo per la salute dei consumatori, a cominciare dal potenziale presentarsi di complicazioni cardiache e renali.

L’allarme del Ministero della Salute è rivolto soprattutto alla fascia d’età compresa tra i 18 e i 35 anni, risultata quella in cui maggiore è il consumo di energy drink. Se a queste poi si associano bevande alcoliche il mix derivato potrebbe essere letale. Le conseguenze nell’immediato possono essere un’alterazione della ricezione da parte dell’organismo del senso di ebbrezza, portando ad un consumo di alcol ben oltre la soglia consigliata. Oltre a questo aumentano la possibilità di disidratazione e al già citato sconvolgimento della regolare attività cardiaca e renale.

Il consumo di queste bevande energetiche sta poi crescendo anche tra gli adolescenti, preoccupando le autorità sanitarie di tutta Europa. Il Ministero della Salute francese ad esempio ha diffuso alcune note indicative per un ricorso più responsabile degli energy drink: vietato per donne incinte e sportivi, evitare di superare la soglia giornaliera di 125 ml (in presenza di forti dosi di caffeina, taurina e D-glucuronolattone) e non abbinare mai a fumo, alcol e farmaci, specialmente se agenti sul sistema nervoso centrale.

Preferire sempre un consumo responsabile e consapevole, evitandolo qualora si appartenga a categorie potenzialmente a rischio (ad esempio soggetti ipertesi o che soffrono di malattie cardiache o legate al sistema nervoso). Da evitare anche il ricorso in associazione con bevande alcoliche e tenersi sempre sotto la soglia massima consigliata dagli istituti di sanità pubblica.

13 luglio 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento