Le energie rinnovabili si stanno sviluppando a una velocità formidabile. Secondo il NREL (National Renewable Energy Lab) i dati disponibili fino a ottobre 2013 e riferiti all’anno 2012 indicavano che quasi un quarto dell’elettricità mondiale (il 23% per l’esattezza) era coperto dalle fonti rinnovabili. Un obiettivo che poteva risultare impossibile fino a pochi anni fa, ma che grazie a politiche di sostegno e al buon senso dei cittadini è stato realizzato.

Il rapporto, intitolato “2012 Renewable Energy Data Book”, riporta la situazione dell’energia rinnovabile negli Stati Uniti e nel resto del mondo, e premia in particolare alcuni Paesi come la Germania, la Cina, la Spagna e proprio gli States che hanno eccelso in diverse categorie. La Germania per esempio è quella che ha fatto meglio nel comparto del fotovoltaico, gli Stati Uniti in quello del geotermico e delle biomasse, la Cina per l’eolico e la Spagna per il solare termico. Tra i Paesi citati come virtuosi compare anche l’Italia per la produzione solare.

Considerando l’energia rinnovabile nel suo complesso, a guidare la produzione mondiale c’è la Cina, seguita da Stati Uniti, Brasile, Canada e Germania. Queste le suddivisioni per fonte rinnovabile:

Idroelettrico:

  1. Cina
  2. Brasile
  3. Stati Uniti
  4. Canada
  5. Russia

Fotovoltaico:

  1. Germania
  2. Italia
  3. Stati Uniti
  4. Cina
  5. Giappone

Solare termico:

  1. Spagna
  2. Stati Uniti
  3. Algeria
  4. Egitto/Marocco
  5. Australia

Geotermico:

  1. Stati Uniti
  2. Filippine
  3. Indonesia
  4. Messico
  5. Italia

Eolico:

  1. Cina
  2. Stati Uniti
  3. Germania
  4. Spagna
  5. India

Biomasse:

  1. Stati Uniti
  2. Brasile
  3. Cina
  4. Germania
  5. Svezia

Considerando invece la popolazione, i Paesi che si sono dati più da fare nel settore del solare sono Germania, Italia (dove sono installati oltre 2 watt a testa in media), Belgio, Repubblica Ceca e Grecia; nel settore dell’eolico invece ci sono Danimarca, Spagna, Portogallo, Svezia e Germania.

A oggi in tutto il mondo sono installati 4.892 Twh di energia pulita. Nel complesso l’idroelettrico è la fonte più utilizzata per le rinnovabili con oltre la metà della produzione energetica. A seguire ci sono eolico, fotovoltaico, biomasse e geotermico.

7 gennaio 2014
Fonte:
Lascia un commento