L’Osservatorio sul vivere sostenibile ha elaborato una guida per aiutare i cittadini interessati all’installazione di un impianto a energia rinnovabile.

L’approfondimento dedicato alle energie rinnovabili dell’MCE Lab rientra nel programma di iniziative promosse dall’Osservatorio nell’ambito della Settimana Europea dell’Energia Sostenibile, in programma dal 15 al 19 giugno 2015.

Gli esperti elargiscono 5 consigli utili a quanti desiderano tagliare i costi della bolletta energetica, diminuendo al contempo l’impatto ambientale dei consumi domestici:

  1. Installare un impianto solare termico sul tetto, in giardino o sul terrazzo. Si tratta di un investimento non troppo impegnativo, pari a circa 4-5 mila euro e con un consumo di superficie limitato di circa 4 metri quadrati. Il risparmio conseguito è alto: i pannelli solari termici permettono infatti di coprire fino al 70% dei consumi di acqua calda sanitaria di una famiglia di 3 persone. I benefici sono notevoli anche sul fronte dell’impatto ambientale, con un risparmio annuale di oltre 1.500 kg di CO2. Sfruttando anche il riscaldamento a pavimento, un impianto solare termico può arrivare a coprire fino al 30% del consumo termico complessivo della famiglia.
  2. Installare un impianto fotovoltaico. È sufficiente anche un impianto da 1 kWp per coprire fino al 40% dei consumi di elettricità di una famiglia.
  3. Valutare l’installazione di un impianto geotermico, da associare al pavimento radiante per massimizzare il risultato. Questa tipologia di impianto è in grado di sostituire condizionatore e caldaia grazie allo sfruttamento del calore della terra. Prima di procedere con l’installazione è bene assicurarsi del livello di conducibilità termica del proprio terreno.
  4. Prendere in considerazione l’installazione di una pompa di calore sul pavimento o sulla parete per riscaldare l’acqua. Grazie allo sfruttamento dell’energia termica dell’aria questo impianto, pur occupando poco spazio e richiedendo un investimento minimo, consente di tagliare i consumi fino al 75%, con un notevole risparmio sulla bolletta energetica, soprattutto nei mesi invernali.
  5. Sfruttare le detrazioni fiscali del 65% introdotte dal Governo per tutti gli interventi di efficientamento energetico degli edifici. Gli ecobonus sono validi per l’installazione di un impianto a energia rinnovabile e per la sostituzione delle vecchie caldaie con modelli più efficienti, come le caldaie a condensazione.
Lascia un commento