Il solare, in tutte le sue forme, produrrà oltre il 50% dell’energia elettrica mondiale entro il 2050. La più che rosea previsione è dell’Agenzia Internazionale dell’Energia. Secondo i dati diffusi nel report “Energy Technology Perspectives”, nel 2050 la potenza fotovoltaica installata raggiungerà quota 4.600 GW, fornendo in totale 6.500 Twh di elettricità all’anno.

Il responsabile delle energie rinnovabili della IEA, Paolo Frankl, ha esposto i risultati dell’ultima analisi dell’agenzia nel corso di una conferenza svoltasi ad Amsterdam in questi giorni. Secondo Frankl a trainare il boom del settore solare nei prossimi decenni saranno i costi sempre inferiori delle componenti e i progressi tecnologici che proseguiranno inarrestabili, migliorando l’efficienza del processo di conversione e la durata dei pannelli.

Stando alle stime degli analisti il fotovoltaico, il solare termico e il solare termodinamico a concentrazione costituiranno la maggiore fonte di energia elettrica entro il 2050. Il fotovoltaico fornirà da solo il 16% dell’elettricità mondiale:

Questa cifra, il 16%, è nettamente più alta rispetto alle stime precedenti, perché le cose sono cambiate molto velocemente, ha spiegato Frankl. Il fotovoltaico è oggi imbattibile e competitivo rispetto a qualsiasi altra tecnologia.

Il solare termico e il solare fotovoltaico, ha proseguito Frankl, non sono affatto rivali nel mercato energetico bensì complementari. La loro crescita nei prossimi anni procederà di pari passo in Paesi come l’India e gli Stati Uniti e insieme le due tecnologie daranno energia pulita al mondo. Il Paese che vanta e vanterà il maggior numero di installazioni nel fotovoltaico sarà la Cina, che entro il 2050 deterrà ben il 37% della capacità fotovoltaica installata in tutto il mondo.

Per produrre il 50% dell’energia elettrica globale grazie al solare entro il 2050 bisognerà vincere alcune sfide. In primis, rendere competitivi e meno rischiosi gli investimenti nei Paesi in via di sviluppo e realizzare delle reti intelligenti capaci di supportare una rivoluzione rinnovabile su larga scala.

Le imprese, inoltre, dovranno poter contare sul sostegno dei Governi. Il mondo intero dovrà cambiare prospettiva guardando al solare non più come a un mercato di nicchia, ma come a una fonte di energia dominante.

29 settembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento