Le aziende italiane pagano cara l’energia elettrica, il 31% in più rispetto alla media UE. Questo emerge dagli ultimi studi sul settore produttivo stilati da Confartigianato, che sottolinea inoltre come siano Milano e a Lombardia a veder gravare sulle loro spalle il peso maggiore. Una delle cause di questo divario è indicata nella pressione fiscale che incide sui costi per il 22,7%.

L’Italia in generale vede il comparto produttivo pagare a caro prezzo le fonti energetiche, con una spesa maggiore per singola azienda che ammonta a circa 1800 euro all’anno. Cifre che se sommate portano a un costo totale superiore rispetto all’Ue di 7,9 miliardi annui. Numeri che, secondo il Presidente di Confartigianato, Giorgio Guerrini, richiedono:

Riforme strutturali che aprano alla vera concorrenza i settori dell’elettricita’ e del gas, puntino sull’efficienza energetica e sull’uso di fonti rinnovabili, consentano di ridurre e riequilibrare la pressione fiscale sul prezzo dell’energia che grava soprattutto sulle piccole imprese.

Scendendo nel dettaglio, la penisola risulta spaccata tra Nord e CentroSud, con la parte settentrionale del paese che spende per l’energia elettrica fino a 4.615 milioni di euro in più rispetto alla media dell’Unione Europea, mentre il resto d’Italia si attesta tra i 1392 del Centro e i 1932 mln di euro del Sud.

La regione più gravata dalle maggiorazioni sull’elettricità è come detto la Lombardia (1.808 mln di euro in più), seguita dal Veneto (800 mln) e da Emilia Romagna e Piemonte (intorno ai 700 mln di euro). Tra le province primato per Milano (448 mln), seguita da Roma (365) e Brescia (356).

Particolarmente importanti i numeri per quanto riguarda la tassazione fiscale. Le imprese, come gli stessi cittadini, pagano un’aliquota superiore del 23% rispetto alla media degli altri paesi europei, con un ammontare finale di circa 6 miliardi di euro annui. Situazione ancora peggiore per le piccole imprese, sulle quali il fisco incide per l’energia il 134,1% in più rispetto all’Eurozona.

1 settembre 2011
Lascia un commento