È stato rinnovato l’Accordo Quadro tra Eni e Politecnico di Torino per lo svolgimento di progetti di ricerca congiunti. Una collaborazione che avrà una durata triennale e riguarderà attività di R&D in tutti gli ambiti ingegneristici, con focus sulle innovazioni energetiche di frontiera, guidate da criteri di sostenibilità “economica, ambientale e sociale”.

Una collaborazione quella tra Eni e Politecnico di Torino cominciata nel 2008 e che si rinnova all’insegna dell’innovazione tecnologica e della crescita sostenibile del settore energetico. A sancire la firma del nuovo accordo la presentazione di Claudio Descalzi, AD Eni, dal titolo “La transizione energetica verso un futuro low carbon”.

Tema della presentazione le domande riguardanti la gestione della transizione energetica nell’ottica del contenimento dei cambiamenti climatici. Come ha sottolineato Claudio Descalzi in merito alla collaborazione con il Politecnico di Torino:

La storia di Eni è fatta di ricerca e innovazione tecnologica per creare valore per il nostro futuro ed è per questo che, anche nell’attuale scenario petrolifero complesso, continuiamo ad investire in progetti di ricerca. La collaborazione con il Politecnico di Torino si inquadra in un rapporto di lungo termine che in questi anni ha portato ad importanti risultati.

Eni continua a collaborare con i migliori centri di eccellenza italiani e stranieri e vuole, in questo modo, dare un segnale concreto ed un contributo al grande tema della transizione energetica.

A commento del rinnovato accordo con Eni è intervenuto anche Marco Gilli, rettore del Politecnico di Torino, che ha così riferito:

Il Politecnico si sta accreditando a livello internazionale come uno dei poli di riferimento per la ricerca sui sistemi energetici, come testimonia anche la recente inaugurazione a Torino dell’Energy Center; è un ambito che richiede sempre di più un approccio interdisciplinare e il pieno coinvolgimento dei principali attori pubblici e privati del sistema socio-economico.

La partnership con Eni si fonda su un consolidato rapporto di collaborazione e si propone di sviluppare un programma pluriennale di formazione e ricerca, focalizzato sulle applicazioni delle tecnologie più avanzate ai sistemi energetici, con il contributo sinergico e congiunto dei ricercatori dei due enti e l’attiva partecipazione degli studenti.

29 aprile 2016
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Eni
Lascia un commento