Innovare nel settore delle rinnovabili. Questo il tema centrale del protocollo d’intesa siglato da ENEA ed Enel, che collaboreranno allo sviluppo di tecnologie che consentano di alimentare gli impianti di generazione con carburanti alternativi, come ad esempio biomasse e residui vegetali, ma anche di ridurre i danni per il clima e l’ambiente.

Le rinnovabili occuperanno quindi un ruolo di primo piano nella collaborazione prevista tra ENEA ed Enel nello sviluppo di tecnologie di generazione. Obiettivi puntati soprattutto sul fotovoltaico di nuova generazione, ma non solo: si punterà anche all’ottimizzazione delle tecniche di produzione energetica dal moto ondoso marino.

Due gruppi di lavoro misti condurranno ricerche sui due fronti: entro sei mesi si punta a definire un piano di lavoro congiunto per giungere poi a una seconda fase, questa volta attuativa. Innovazione fondamentale per lo sviluppo futuro dell’energia secondo quanto ha dichiarato il commissario dell’ENEA, Federico Testa:

Lo sviluppo di tecnologie innovative in campo energetico è fondamentale per centrare gli obiettivi europei di riduzione delle emissioni e gli obiettivi condivisi a livello europeo per il 2020. È però anche una chiave di volta per lo sviluppo, la crescita e la competitività delle aziende del settore con particolare riferimento ai mercati internazionali.

Questa duplice chiave di lettura ben si applica all’intesa che vede alleate un player di eccellenza mondiale quale è Enel con ENEA che ha nel suo DNA la ricerca nel settore dell’energia ed è riconosciuta come eccellenza nell’innovazione tecnologica a livello internazionale.

Innovazione destinata in futuro a passare in maniera obbligata attraverso alleanze strategiche secondo Ernesto Ciorra, direttore Funzione Innovazione e Sostenibilità di Enel, ha sottolineato che:

Per poter innovare oggi è necessario abbracciare ciò che viene sviluppato al di fuori del perimetro aziendale e stringere alleanze strategiche, unendosi ad eccellenze italiane e internazionali e creando un network che rafforzi sinergie e punti di forza distintivi.

Enel dispone di numerose risorse e competenze da mettere a fattor comune e integrare con quelle di altri partner, con un’ampia rete di persone, pronte a recepire stimoli esterni con presidi d’innovazione strutturati in più Paesi e aree aziendali.

18 marzo 2015
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
andrea, mercoledì 18 marzo 2015 alle18:16 ha scritto: rispondi »

di certo e strano sentire che enel cerchi alternativa a gas e petrolio e carbone ed energia atomica. noi siamo baciati dal sole 360 giorni all'annoall'estero hanno gia' trovato il modo di far viaggiare l'energia pulita, anzi ci sono privati od aziende che vendono esclusivamente energia pulita prodotta a chilometri di distanza ( vedi centrale fotovoitaica nel deserto della california che porta energia ad una citta intera non ricordo il nome), e poi con i nuvi accumulatori di energia pulita puoi staccarti da chi per anni ha fatto il buono e cattivo tempo in italia. divulghiamo di piu' le novita' mondiali, cercate di giocare d'anticipo sui diretti concorrenti, cercando di seguire da vicino gli sviluppi importantissimi per un mondo pulito. arrivederci andrea

Lascia un commento