Possiede di certo le caratteristiche fisiche ideali per spaventare anche il più determinato dei malintenzionati: è agile, veloce e può ferire l’avversario senza troppe difficoltà. Eppure, un futuro nel corpo di polizia rimane al momento per lui precluso. Non si sta ovviamente parlando di un caso di ingiusta discriminazione, bensì di un simpatico emu: il volatile ha deciso di unirsi di sua spontanea volontà ai cavalli della polizia australiana, dimostrando curiosità e infinita determinazione.

Il tutto accade presso la divisione a cavallo della polizia australiana del Northern Territory, dove da qualche tempo un emu trascorre le sue giornate in compagnia dei diversi cavalli addestrati dagli agenti. Pur non potendo prestare servizio come singolare agente pennuto, sembra che la presenza del volatile sia comunque d’aiuto alle attività di polizia: l’emu, infatti, aiuta gli equini a desensibilizzarsi da qualsiasi situazione pericolosa potrebbe loro accadere in servizio, rendendoli immediatamente pronti all’azione. E non è nemmeno tutto poiché, così come spiega un video rilasciato dall’AP, sembra che il singolare bipede abbia l’abitudine di beccare i cavalli anche quando non dovrebbe: una caratteristica, forse, che potrebbe tornare utile ironicamente in futuro per convincere qualche criminale a confessare le proprie malefatte.

L’animale, semplicemente ribattezzato Emu, pare abbia assunto appieno lo stile di vita dei cavalli, forse convinto a sua volta di essere un puledro. Così ha spiegato il sergente Melinda Edwards alla stampa locale:

L’emu è chiamato semplicemente Emu, certamente dal suo comportamento abbiamo l’impressione creda di essere un cavallo. Ha assunto lo stile di vita equino. Se i cavalli galoppano via, galoppa con loro.

Come facile attendersi, il filmato del simpatico volatile è immediatamente diventato virale in tutto il mondo, data la singolarità della storia nonché la dedizione dell’animale. E chissà che un giorno non diventi davvero un agente di polizia, alla stregua degli altri coraggiosi cavalli.

7 luglio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Via:
ABC
Immagini:
Lascia un commento