I cambiamenti climatici causati in gran parte dai Paesi occidentali industrializzati hanno un impatto devastante sulle popolazioni più povere e vulnerabili del Pianeta. Come ricordato da Papa Francesco nella sua enciclica ambientale la lotta al riscaldamento globale è una questione di equità sociale. A sottolineare le responsabilità dei Paesi più ricchi è intervenuta anche l’Oxfam in un rapporto dal titolo “Extreme Carbon Inequality”.

Secondo gli analisti la metà della popolazione mondiale povera, pari a 3,5 miliardi di persone, è responsabile di appena il 10% delle emissioni globali e vive nei Paesi più vulnerabili ai cambiamenti climatici. Il 10% della popolazione ricca è invece responsabile di ben il 50% delle emissioni di gas serra legate ai consumi.

L’impronta ecologica dell’1% delle persone più ricche del Pianeta è fino a 175 volte più alta rispetto a quella dei poveri. L’Oxfam fa notare che l’impronta ecologica dei cittadini occidentali è nettamente superiore rispetto a quella dei cittadini poveri che vivono nelle economie emergenti come la Cina, l’India, il Brasile e il Sudafrica. Lo stile di vita occidentale rimane quello più energivoro e inquinante.

Gli esperti spiegano che anche i cittadini più ricchi del Pianeta stanno iniziando a subire gravi danni per il riscaldamento globale. Non a caso alla COP21 di Parigi si è assistito a una mobilitazione globale a sostegno di un accordo vincolante per ridurre le emissioni di CO2. Nei prossimi anni senza politiche incisive contro l’aumento delle temperature la situazione è destinata a peggiorare.

L’Oxfam spiega che gli unici a beneficiare dei cambiamenti climatici sono gli investitori che traggono profitto da un’economia inquinante e dalle disuguaglianze sociali. I miliardari che hanno investito ingenti capitali nelle fonti fossili sono in tutto 88. La loro fortuna nel 2015 si è attestata complessivamente sugli oltre 300 miliardi di dollari con un incremento di circa il 50% rispetto al 2014. Gli analisti invitano i leader globali a non permettere a un’élite che sta traendo enormi vantaggi dall’inquinamento di influenzare le politiche climatiche ed energetiche.

25 gennaio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento