Il boom di gas serra nel periodo 2011-2012 renderà sempre più difficile arginare il riscaldamento globale. Secondo i dati su CO2, metano e protossido di azoto resi noti dall’OMM (Organizzazione Meteorologica Mondiale) lo scorso anno ha visto un aumento della concentrazione di questi inquinanti.

Livelli ancora elevati di CO2 e degli altri gas serra soprattutto a grandi inquinanti come Cina e USA. Secondo il segretario generale dell’OMM, Michel Jarraud:

Le osservazioni della vasta rete di Global Atmosphere Watch dimostrano ancora una volta che i gas di origine antropica che intrappolano il calore hanno turbato l’equilibrio naturale dell’atmosfera terrestre e contribuiscono notevolmente al cambiamento clima.

Preoccupazioni condivise dall’UNEP, secondo cui anche se gli Stati riusciranno a mantenere i propri impegni sarà impossibile contenere entro i 2 gradi il riscaldamento globale. Le ipotesi formulate vedrebbero l’innalzamento previsto a circa 4 o forse persino 6 gradi.

Le conseguenze sarebbero catastrofiche per gli ecosistemi, prosegue il rapporto UNEP “Emissions Gap Report 2013″, con l’innalzamento dei livelli dei mari, disastri naturali e carestie. La soluzione ipotizzata dalle Nazioni Unite prevede emissioni massime di 44 gigatonnellate entro il 2020, per toccare quota limite 40 nel 2025 e 22 nel 2050.

7 novembre 2013
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Luigi Fiorin, sabato 9 novembre 2013 alle14:38 ha scritto: rispondi »

un'intelligenza umana che sta distruggendo la biodiversità è tutto meno che intelligente! Se fino al 2020 non è previsto alcun accordeo mondiale vincolante e su quali basi, conseguenze catastrofiche sono ormai una semplice "annunciazione"! Luigi Fiorin

Franco Pace, venerdì 8 novembre 2013 alle18:06 ha scritto: rispondi »

Trovo l'articolo molto interessante e preciso, vorrei però fare delle considerazioni riguardo l'argomento trattato. Intanto non credo che le previsioni fatte molti anni prima siano del tutto attendibili , in quanto la situazione riguardo l'inquinamento del nostro pianeta soprattutto quello termico può cambiare nel corso dei prossimi anni, visto che la gente acquista sempre più una maggiore coscienza ecologica che ci allontana sempre più dall'autodistruzione ; non stò qui a elencare tutte le cose da fare per allontanarci dal baratro, anche perchè ormai sono note a tutti, voglio però dire che sono fiducioso nell'intelligenza della razza umana . Saluti . Ing. chimico Franco Pace .

Lascia un commento